Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Senato respinge la sfiducia ad Alfano sulla vicenda Kazakistan

colonna Sinistra
Venerdì 19 luglio 2013 - 13:27

Governo: Senato respinge la sfiducia ad Alfano sulla vicenda Kazakistan

(ASCA)- Roma, 19 lug – Con 226 voti contrari, 55 favorevoli e 13 astenuti l’assemblea del Senato ha respinto la mozione di sfiducia presentata da M5S e da Sel nei confronti del ministro dell’Interno, Angelino Alfano in relazione alla vicenda Kazakistan. Lega Nord e alcuni esponenti del Pd, ‘dissidenti’ rispetto alla linea di partito, avevano annunciato la propria astensione. ”La mozione di fiducia e’ stata bocciata e io sonosoddisfatto”, ha commentato il ministro dell’Interno Alfano lasciando il Senato. Quella di oggi e’ una ”mozione che rispetto, fa parte della dialettica parlamentare. Quello che chiedo oggi e’ un nuovo atto di fiducia al governo che presiedo”, aveva affermato il premier Enrico Letta intervenendo nell’Aula del Senato al termine della discussione generale sulla mozione. Ed entrando nel merito della vicenda, ha affermato Letta, la relazione del Capo della Polizia, Pansa, ”e’ una relazione approfondita corretta e che non fa sconto. Una relazione da cui viene confermato in modo inoppugnabile il mancato coinvolgimento del ministro Alfano”. E quindi ”vogliamo continuare a lavorare per costruire risposte per il paese”. ”Il ‘no’ che vi chiedo alla mozione di sfiducia al ministro Alfano – ha continuato Letta – consentira’ al governo di procedere nelle prossime settimane a dare soluzioni strutturali per quanto riguarda l’Imu sulla prima casa, le coperture indispensabili per sventare l’aumento dell’Iva, varare misure per rafforzare le misure sul lavoro e gli esodati, imprimere un’obbligata accelerazione al pagamento dei debiti alle aziende consentira’ di rafforzare le norme contro la corruzione. Ho accolto l’appello del presidente Grasso sulla legge sul riciclaggio. Bisogna intercettare i possibili segnali di ripresa e sara’ varata una legge di stabilita’ che giochi in attacco sul piano della crescita”.

int/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su