Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Kazakistan: Procaccini, informai il ministro delle richieste dei kazaki

colonna Sinistra
Mercoledì 17 luglio 2013 - 09:36

Kazakistan: Procaccini, informai il ministro delle richieste dei kazaki

(ASCA) – Roma, 17 lug – ”Non ho nulla da rimproverarmi, lamia coscienza per quanto amareggiata e’ serena” e ledimissioni ”sono un gesto di buona volonta’ perl’amministrazione”. In un’intervista a ‘Repubblica’ l’excapo di gabinetto del Ministero dell’Interno, GiuseppeProcaccini, ha fornito la sua versione della vicendadell’espulsione della moglie e della figlia del dissidentekazako, Ablyazov.

”Il 28 maggio – ha spiegato Procaccini – ho ricevuto nelmio ufficio al Viminale l’ambasciatore kazako, che mi harappresentato la situazione di questo pericoloso latitanteche si sarebbe trovato in una villa a Casal Palocco. Hoimmediatamente interessato della questione il Dipartimentodella pubblica sicurezza nella persona del dottor Valeri”.

Alla domanda se fosse stato il ministro Alfano a chiederglidi ricevere l’ambasciatore al Viminale, Procaccini harisposto che ”Si’. Ero stato informato che l’ambasciatoredoveva riferirmi una questione molto delicata”. E dopol’incontro riferi’ al ministro quanto le aveva chiestol’ambasciatore sul conto di Ablyazov e che della questione sisarebbe occupato il Dipartimento? ”Si’. Gliene accennaisuccessivamente. Non la sera del 28, perche’ ricordo chel’incontro con l’ambasciatore fini’ molto tardi. Direi ilgiorno successivo. Il 29”. Dunque dal 29 il ministro sapevache la diplomazia kazaka aveva chiesto ”l’arresto di unpericoloso latitante”. Procaccini ha spiegato che non era a conoscenza del fattoche Ablyazov fosse un dissidente: ”L’ambasciatore kazako miparlo’ soltanto di un pericoloso latitante. E mi risulta cheanche nelle banche dati Interpol sul soggetto in questionenon vi fossero informazioni diverse dai reati per i quali eraricercato”. Infine, a blitz avvenuto, ”non mi vennecomunicato del fermo della signora e di sua figlia. A me – haconcluso Procaccini – venne solo comunicato dal Dipartimento,in modo sintetico, che la ricerca del latitante in questioneaveva dato esito negativo. E per me, dunque, la storia finivali”’.

brm/sam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su