Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Razzismo: Calderoli, mio errore gravissimo, mi scuso ma non … (1upd)

colonna Sinistra
Martedì 16 luglio 2013 - 13:07

Razzismo: Calderoli, mio errore gravissimo, mi scuso ma non … (1upd)

+++”No sconti a Paese che ha consentito che una madre con lasua bambina venisse consegnata nelle mani dei suoipersecutori”+++.

.

(ASCA) – Roma, 16 lug – Le dichiarazioni del senatore RobertoCalderoli sul ministro Cecile Kyenge sono state ”sbagliate eoffensive”. Lo ha riconosciuto in Aula del Senato lo stessorappresentante della Lega Nord, che chiede scusa, dopo averlofatto domenica stessa al ministro, anche al presidente dellaRepubblica, Giorgio Napolitano e al Senato della Repubblica.

”Ho fatto una sciocchezza, ho commesso un errore grave,gravissimo” ha ammesso Calderoli, che promette pubblicamente”sul mio onore” a non rivolgere ”mai piu’ offese a unavversario politico”. Ma allo stesso tempo Calderoliaggiunge di non intendere presentare le proprie dimissioni,perche’ tale richiesta non e’ giunta da ”un’ampiamaggioranza” delle forze del Parlamento. ”Cosi’ non e’stato” ha sottolineato Calderoli.

Il vicepresidente del Senato del Carroccio ha sottolineatoche ”preso dalla foga in un comizio ho commesso un erroregrave, gravissimo, per questo ho presentato le mie scuse alministro Kyenge che le ha subito accettate e per questo laringrazio. Ma quella frase – rivendica Calderoli – per quantoesecrabile non aveva risvolti razziali o razzisti”.

Il senatore in merito alle dimissioni sollecitate da piu’parti ha poi ricordato di essere ”uno dei pochi che ilcoraggio di dimettersi lo ha dimostrato anche senza mozionidi sfiducia individuali” ai tempi della maglietta suGhaddafi, che gli costo’ la poltrona di ministro. ”Dimostraiallora cos’e’ il senso dello Stato e delle istituzioni,vorrei che almeno questo mi fosse riconosciuto” haproseguito Calderoli. ”Sarei pronto a farlo anche oggi se leforze politiche che mi hanno eletto me lo avessero chiesto, esarei pronto a dimettermi se ci fosse stata un’ampiamaggioranza che me lo avesse chiesto, ma cosi’ non e’stato”.

”Sul mio onore prometto che non rivolgero’ mai piu’offese a un avversario politico” ha concluso Calderoli, cheha pero’ aggiunto: ”Ma prometto anche che non faro’ maisconti a un governo e a un Paese che ha consentito che unamadre con la sua bambina venisse consegnata nelle mani deisuoi persecutori”.

njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su