Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lavoro: Damiano (Pd), auspico nasca un avviso comune parti sociali

colonna Sinistra
Lunedì 15 luglio 2013 - 20:05

Lavoro: Damiano (Pd), auspico nasca un avviso comune parti sociali

(ASCA) – Roma, 15 lug – ”E’ importante l’incontro che siterra’ domani tra il ministro Giovannini e le parti socialisul tema del mercato del lavoro. Il Partito Democratico hasollecitato con insistenza che ci fosse questo incontro, alfine di favorire ulteriori soluzioni di buona flessibilita’nell’ingresso al lavoro. L’Expo 2015 e’ un eventointernazionale che coinvolgera’ l’intero paese. Bisognacoglierne tutte le potenzialita’ di sviluppo e dioccupazione, ma occorre evitare che esso si trasformi inveicolo per giustificare ulteriore deregolamentazione delmercato del lavoro”. Lo dichiara in una nota Cesare Damiano,Presidente della commissione Lavoro della Camera.

”Per questo noi auspichiamo che dall’incontro di domaninascano le premesse per un avviso comune delle parti sociali,che potrebbe essere recepito successivamente da unalegislazione di sostegno. Del resto – prosegue -, questastrada e’ gia’ stata sperimentata con successo anche nellascorsa legislatura, al tempo del governo Monti. In quellaoccasione si posero le basi per una positiva correzione inmolti punti della riforma del mercato del lavoro targataFornero. Non si possono porre aut aut temporali al confrontotra le parti sociali, che tuttavia possono gia’ disporre diintese locali che riguardano l’Expo 2015. L’attuale decretolavoro puo’ essere concluso anche senza nuove normative diflessibilita’, anche perche’ nei prossimi mesi dovremocomunque riprendere una discussione complessiva cheriguardera’ anche un intervento strutturale sulla diminuzionedel costo del lavoro”.

”Non sottovalutiamo – conclude Damiano – il fatto chequesto primo tempo dell’azione di governo, che si e’caratterizzato sull’incentivo per l’assunzione dei giovani,puo’ essere irrobustito con alcune correzioni di merito. Laprima riguarda l’ampliamento della platea degli incentivifino all’eta’ di 35 anni; la seconda e’ un intervento afavore delle partite Iva autentiche attraverso ilcongelamento, per il 2014, dell’aumento dei contributiprevidenziali; infine, e’ giusto chiedere gia’ adesso ilrifinanziamento della cassa integrazione in deroga, comesollecitano le Regioni, perche’ si tratta di una veraemergenza sociale ”. com/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su