Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Rifugiati: Letta, entro prossimo anno altri 8 mila posti…(1 Upd)

colonna Sinistra
Mercoledì 10 luglio 2013 - 16:23

Rifugiati: Letta, entro prossimo anno altri 8 mila posti…(1 Upd)

(ASCA) – Roma, 10 lug – Entro il prossimo anno sarannoaggiunti nuovi 8 mila posti nei centri di accoglienza per irifugiati in Italia. Lo ha detto il premier Enrico Letta,rispondendo al question time alla Camera.

”Dopo il calo del 2012 nei mesi scorsi c’e’ stata unaripresa sbarchi che sono stati 145 da inizio 2013: e’indubbio che questa accelerazione trovi nelle trasformazionigeopolitiche del Mediterraneo una delle sue cause”, e’ statala premessa del premier.

”Quanto a Lampedusa – ha proseguito Letta – e’ in atto unalleggerimento continuo della pressione sull’isola con iltrasferimento verso i centri di assistenza per i richiedentiasilo in Italia. Oltre ai centri e’ in funzione il sistema diprotezione per i richiedenti asilo e per i rifugiati basatosu una fitta rete di solidarieta’ civile assicurata dalleconvenzioni con gli enti locali: questo sistema e’ statoincrementato di 1500 nuovi posti e il nostro obiettivo e’conseguire entro l’anno prossimo un ulteriore aumento cheportera’ ad accogliere circa 8000 persone”, ha indicato ilcapo del governo.

Oltre all’impegno ad accelerare l’evasione delle richiestedi asilo nel nostro paese ”attraverso l’informatizzazionedelle procedure”, Letta ha indicato tra i prossimi impegniquello di ”recepire le ultime due direttive Ue in materia diasilo”, sottolineando l’importanza di arrivare rapidamentead un ”sistema europeo comune di asilo che preveda unostatus uniforme in tutta l’Unione per i titolari diprotezione internazionale e che permetta loro di muoversiliberamente contando sulla solidarieta’ degli Statimembri”.

Il premier ha anche evidenziato che ”l’Italia ha messo incampo recentemente iniziative, di concerto con i Paesi amici,per supportare la stabilizzazione di Stati cruciali come laLibia: il vertice a Roma del 4 luglio scorso proprio colgoverno libico ha sbloccato numerose importanti decisioni”.

stt/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su