Header Top
Logo
Martedì 25 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Cancellieri, modello Icam e’ quello di civili abitazioni

colonna Sinistra
Mercoledì 19 giugno 2013 - 16:59

Governo: Cancellieri, modello Icam e’ quello di civili abitazioni

(ASCA) – Roma, 19 giu – ” La ratio ispiratrice della nuovanormativa carceraria e’ quella di garantire una nuova tutelaassicurando una crescita armoniosa e senza traumi per figliminori conviventi di donne indagate, imputate o condannate:gli istituti penitenziari a custodia attenuata di detenutimadri (Icam) hanno caratteristiche strutturali diverserispetto a quelli classici e sono modellati piuttosto sullecaratteristiche di una casa di civile abitazione”. Questa larisposta che il Ministro della Giustizia Anna MariaCancellieri ha dato a Marisa Nicchi, deputata di Sel, cheoggi, nel corso del Question Time alla Camera, hainterpellato il ministro in merito alla questione delle madricarcerate a cui si rivolge la legge 62/11 che, comespecificato dalla stessa Nicchi, non e’ ancora entrata vigore(lo sara’ dal primo gennaio 2014) e che ha come scopo quellodi limitare al massimo gli ingressi, negli istitutipenitenziari, di bambini conviventi con madri indagate,imputate o condannate.

Cancellieri ha precisato che ”verra’ attuato, grazie agliIcam, un regime penitenziario di tipo familiaristicocomunitario incentrato sulla responsabilizzazione del ruologenitoriale”. Inoltre, il Ministro, ha fatto alcuni esempidi progetti di istituti penitenziari ‘modello’ come ”Liberibimbi” del provveditorato del Piemonte o quello delTriveneto che sara’ attivato entro luglio. L’onorevoleNicchi, da parte sua, ha ricordato che a fine 2012 eranopresenti nelle carcere italiane 40 madri e 41 bambini e chela ”sensibilita’ che abbiamo in comune con il Ministro nascedalla priorita’ di non poter far vivere in carcere bambini dieta’ compresa tra gli 0 e i 6 anni”. Inoltre, Nicchi haespresso due perplessita’ a riguardo della risposta che ilministro ha sottoposto all’Aula: ”un’insufficiente coperturadi Icam al Sud e, al contempo, la necessita’ di finanziarecase-famiglia protette che sono state demandate a caricodegli enti locali i quali, come si sa, sono stati falcidiatinei finanziamenti”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su