Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Torino: 700 bimbi stranieri cittadini onorari. FdI e Lega Nord attaccano

colonna Sinistra
Lunedì 17 giugno 2013 - 20:10

Torino: 700 bimbi stranieri cittadini onorari. FdI e Lega Nord attaccano

(ASCA) – Torino, 17 giu – E’ polemica a Torino per ladecisione di conferire la cittadinanza torinese a oltre 700bambini stranieri nati nel capoluogo. Domenica pomeriggio ipiccoli riceveranno l’attestato alla presenza del ministroper l’integrazione Cecile Kyenge. L’iniziativa, dal valorestrettamente simbolico, segue la deliberazione del ConsiglioComunale che nello scorso dicembre ha stabilito che tutti ibambini nati a Torino da cittadini stranieri ottengano ilriconoscimento della cittadinanza civica.

”Torino – ha spiegato oggi il sindaco Piero Fassino – havisto, negli ultimi venti anni, una forte evoluzionedemografica, arrivando a contare 150mila stranieri condiverse comunita’ importanti: da quella rumena a quellanordafricana. Chiunque nasce qui e’ figlio di questa terra,fa parte di questa comunita’, nonostante cio’ che dice lalegge”.

Sull’arrivo del ministro Kyenge attacca Fratelli d’Italia:”Se e’ davvero il Ministro all’integrazione – dichiara ilcapogruppo in comune Maurizio Marrone – perche’ non viene aTorino a portare soluzioni reali all’emergenza rifugiatioppure al problema rom? Cecile Kyenge, invece, confermandosiMinistro-mascotte alla propaganda, arriva a Torino a benedirel’ultima buffonata ideologica del centrosinistra torinese, laconsegna delle finte ‘cittadinanze civiche’, per promuoverecon le consuete passerelle mediatiche l’introduzione delloius soli in Italia. Ma ci penseremo noi a guastare lafesta”.

Nella stessa direzione la Lega Nord: ”Il ministrodell’integrazione Kyenge, che partecipera’ alla farsa – diceil capogruppo Fabrizio Ricca – possiamo solo consigliare dicominciare a lavorare a proposte concrete, se cio’ che vuolerealmente per gli immigrati e’ una cittadinanza facile. Senon e’ in grado di portare alcuna soluzione, significa cheanche il ministro e’ parte del problema”.

eg/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su