Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Sabato 15 giugno 2013 - 17:00

Ue: Barroso a Roma vede il papa e Letta

(ASCA) – Roma, 15 giu – Giornata romana per il presidente della Commissione Europea Jose’ Manuel Barroso che ha incontrato prima papa Francesco e poi il presidente del consiglio, Enrico Letta. ”Un utile scambio di opinioni sulla situazione internazionale con particolare attenzione al processo di integrazione europea, come pure alla perdurante crisi economica che ha conseguenze gravissime sull’occupazione, soprattutto giovanile, e riflessi negativi sulla vita delle famiglie”. Sono i temi affrontati dal pontefice e da Barroso durante l’udienza privata nel Palazzo Apostolico Vaticano. ”Nel prosieguo dei colloqui – riferisce la sala stampa vaticana – ci si e’ soffermati sul contributo positivo che la Chiesa cattolica puo’ offrire nell’attuale congiuntura per il benessere materiale e spirituale dell’Europa”. Francesco e Barroso inoltre hanno dato ”particolare attenzione alla promozione dei diritti umani, in special modo alla liberta’ religiosa, e alla tutela delle minoranze cristiane nel mondo”. Poi per il presidente della Commissione Ue e’ stata la volta di Palazzo Chigi dove Enrico Letta lo ha rassicurato che ”l’Italia vuole mantenere i suoi impegni e dunque manterra’ il tetto del 3%” nel rapporto deficit-pil. Durante l’incontro si e’ parlato anche del vertice di ieri tra i ministri italiani, tedeschi, francesi e spagnoli dell’economia e del lavoro sulla disoccupazione giovanile. ”Abbiamo discusso – ha precisato Letta – del formato della riunione di ieri e di come questo sia stato interessante perche’ avere insieme i ministri del lavoro e delle finanze vuol dire occuparsi” dei temi economici ”avendo attenzione alle persone e non solo ai numeri”. Dala canto suo Barroso ha sottolineato come sia ”indispensabile” che al prossimo Consiglio Europeo ”si formi un nuovo consenso e non piu’ solo lunghe discussioni su misure di austerita’, ma politiche concrete per superare la disoccupazione giovanile e ripristinare un sano stato finanziario”. red/int

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su