Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Frattini, per ottobre proposta Commissione sara’ disponibile

colonna Sinistra
Martedì 11 giugno 2013 - 16:51

Riforme: Frattini, per ottobre proposta Commissione sara’ disponibile

(ASCA) – Roma, 11 giu – ”Lavoreremo in fretta ma anche inmodo approfondito con un’analisi accurata di quelleproblematiche che da venti anni sono oggetto di tentativi diriforma non riusciti. Condivido il ministro Quagliarielloquando dice che occorre trovare un equilibrio tra rapidita’ eapprofondito studio”. E’ quanto dichiara Franco Frattini,membro della Commissione per le riforme costituzionali, aimicrofoni di Rainews24.

”Abbiamo un obiettivo: che quanto appena varato dalgoverno sia definitivamente approvato dal Parlamento intornoa fine ottobre. Per quella data la nostra proposta dovrebbeessere pronta e disponibile”, aggiunge Frattini, secondo cui”questa Commissione non va a sostituire il ruolo delParlamento. Per cui nel momento in cui la leggecostituzionale sara’ approvata a fine ottobre il nostroprogetto dovra’ nella sostanza essere consegnato al governo,e da questo al Parlamento”. ”C’e’ una priorita’: definire meglio il ruolo delle dueCamere affinche’ – come accade oggi – non abbiamo le stessecompetenze. L’idea e’ quella di creare una Camera cherappresenti le autonomie, ed un’altra che abbia la competenzalegislativa fondamentale, come ad esempio votare la fiduciaal governo. Questo chiaramente significa che vanno definitemeglio le competenze delle Regioni e dello Stato. Ci sono adesempio molti casi di competenza concorrente per cui ancoraoggi si moltiplicano i conflitti di attribuzione dinanzi allaCorte Costituzionale”, continua Frattini. ”Forma di Stato e di governo non e’ la prima questione daaffrontare, ma la mia personale opinione e’ che l’Italia e’matura per riflettere sul sistema presidenziale. Poi c’e’ untema molto importante, ma che viene anche questo dopo: aseguito della forma di governo, quale sara’ la leggeelettorale che fara’ funzionare il sistema. Non e’ lapartenza ma la conclusione. Questa e’ una Commissione diesperti in cui io e Violante, ad esempio, che abbiamo avutoesperienze politico-istituzionali, ci sentiamo a nostroagio.

E’ una Commissione amalgamata e soprattutto non lottizzatacome in passato si temeva di altre esperienze. Potremodiscutere in liberta’ e con onesta di giudizio”, sottolineaancora l’ex ministro degli Esteri. ”Il Pd – continua – vorrebbe parlare prima di leggeelettorale, mentre il Pdl della forma presidenziale. Io credosi debba iniziare prima dal punto bicamerale perche’ seaffrontiamo prima il nodo sulle funzioni delle Camere sara’poi piu’ facile parlare di forma di governo e di modelloelettorale. C’e’ un ordine logico che si sottrae allepriorita’ di ogni singolo partito. Poi certamente ilParlamento fara’ le sue scelte”.

”La differenza tra questa Commissione e il Comitato deiquaranta e’ che quest’ultimo sara’ composto da parlamentari,mentre la nostra e’ una Commissione che aiuta il Governo equindi e’ consulente del governo. Trentacinque persone cheesprimono un equilibrio geografico e culturale in tuttaItalia non e’ un numero esorbitante”, conclude Frattini.

com/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su