Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Amministrative: Di Pietro, vittoria astensionismo fallimento politica

colonna Sinistra
Lunedì 10 giugno 2013 - 12:19

Amministrative: Di Pietro, vittoria astensionismo fallimento politica

(ASCA) – Roma, 10 giu – ”Oggi c’e’ solo un vincitore:l’astensionismo. E non e’ una buona notizia, e’ il fallimentodella politica e delle istituzioni. Al di la’ dei risultatidei singoli candidati, quando la percentuale dei votanti nonarriva a superare il 40 o il 50 per cento della platea che hadiritto al voto il segnale e’ inequivocabile”. E’ quantoscrive sul suo blog Antonio Di Pietro, dell’Italia deiValori, che aggiunge: ”Ma ormai c’e’ un’anestesia totaledella classe dirigente dei partiti. E’ il mancato ascoltodelle istanze della base e della cittadinanza. Siamo in unPaese senza speranza, senza futuro, dove la gente non arrivaalla fine del mese, dove le famiglie sono diventate i veriammortizzatori sociali e dove le istituzioni hanno persocredibilita’. Mi auguro che questo astensionismo diventi unalezione per i politici, ma temo che non lo sara’, visto chesia a livello nazionale, sia a livello locale continuano afare tutto l’opposto di quello che dicono in campagnaelettorale, a non mantenere le promesse”. Secondo Di Pietro, il caso del Pd fa da scuola: ”Non ciapparenteremo mai con Berlusconi”, hanno detto nei giorniprecedenti alle elezioni politiche. Mentre, il giorno dopo,non solo hanno fatto l’accordo di governo con il Cavaliere,ma si accingono a regalargli il semipresidenzialismo, unacorona al solo uomo al comando, stravolgendo la nostraCarta.

E nel cestino sono finite anche le promesse sull’abrogazionedel Porcellum e sulle misure strutturali per contrastare lacrisi economica. E cosi’ continuera’ se questi soloni nonavranno uno scatto di resipiscenza operosa e se non siassumeranno le responsabilita’ dopo aver fatto un serio esamedi coscienza”.

”Dal governo delle citta’ si potrebbe ripartire con ilbuon esempio – conclude Di Pietro – e mi auguro che i nuoviamministratori comprendano il deficit di democrazia che staalla base della loro elezione e sappiano voltare pagina,mettendo in campo iniziative che diano piu’ servizi primarialla gente e non alle lobby del malaffare”. com/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su