Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Mauro, se falliamo finiamo tutti all’inferno

colonna Sinistra
Venerdì 7 giugno 2013 - 09:12

Riforme: Mauro, se falliamo finiamo tutti all’inferno

(ASCA) – Roma, 7 giu – ”Vinceremo la sfida, cambieremo laCostituzione. La prossima primavera l’obiettivo sara’ statocentrato”. Il ministro della Difesa Mario Mauro inun’intervista ad Avvenire avverte: ”Se falliamo finiremosprofondati all’inferno”. Per la prossima settimana sono in programma due consiglidei ministri: dopo la fase del rodaggio, dice Mauro, ”Lettae’ pronto a spingere sull’acceleratore”. In ogni caso,chiarisce, ”il bicameralismo e’ lunare. E se non cambiamo laCostituzione tutte le novita’ di carattere economico chepotremmo mettere in campo sono destinate a impantanarsi: e’sempre accaduto e continuerebbe ad accadere. Mi creda: ilpremier puo’ essere anche un genio, ma se ci metti tre anniper avere una legge e’ difficile risollevare il Paese”.

Nella legge, continua Mauro, ”oltre al nuovo sistema digoverno la ”Commissione dei 40” mettera’ dentro anche itemi giustizia e conflitto di interessi”. Il ministro parladella necessita’ di contrappesi al presidenzialismo eazzarda: ”Se passasse il presidenzialismo il capo delloStato sarebbe ancora il presidente del Consiglio superioredella magistratura? Se al Quirinale finisse un signore che sichiama Silvio Berlusconi potrebbe anche guidare il Csm? Credoche la risposta sia superflua”.

Il ministro invita ”Letta e Alfano a capire che da numeridue possono diventare numeri uno”. E bacchetta Renzi.

”Fa prevalere il calcolo e scommette sulla possibilita’ ditornare al voto in tempi brevi. Insomma non aiuta il governo,anzi ogni sua mossa sembra quasi un atto di sfiduciaall’esecutivo. Ma se Letta vince la scommessa del governo edelle riforme inevitabilmente mette una seria ipoteca anchesulla leadership dei Democratici”.

red-fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su