Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • P.A: Saitta, entro giugno saldati tutti i pagamenti delle Province

colonna Sinistra
Venerdì 7 giugno 2013 - 13:30

P.A: Saitta, entro giugno saldati tutti i pagamenti delle Province

(ASCA) – Roma, 7 giu – ”Il Decreto pagamenti ha sbloccatoper le Province oltre 1 miliardo di euro per il 2013. Diquesti, oltre 300 sono gia’ stati pagati, mentre 718 milionisono quelli rimasti da pagare alla data di entrata in vigoredel decreto. Entro la fine del mese di giugno, il sistemaProvince avra’ pagato tutte le imprese”: lo dichiara ilPresidente dell’Upi, Antonio Saitta che aggiunge :”Cittadini e imprese devono sapere che le Provinceutilizzano presto e bene tutti gli spazi finanziari che ilGoverno gli ha concesso: lo dobbiamo agli imprenditori, chenon devono aspettare un giorno di piu’ del dovuto per averepagamenti finora bloccati da vincoli assurdi e nazionali”. Saitta ricorda che gia’ in questa prima fase di attuazionedel decreto, le Province hanno risposto con efficienza,effettuando da subito il pagamento di quel 13% del totaleconcesso dal decreto. ”Questo dimostra la buona capacita’amministrativa delle Province, ma conferma anche che lanostra battaglia per liberare questi fondi inutilmente ferminelle nostre casse era fondata” aggiunge Saitta che fa poiil caso della Provincia di Torino: prima ancora dellaconversione in legge del decreto che ci ha liberato 45.5milioni di euro, abbiamo gia’ pagato fatture per 36,7milioni, l’80% del totale quindi: quasi 20 milioni di fattureper opere di viabilita’ e trasporti, 13 milioni di euro perfatture per l’edilizia scolastica, piu’ di 2,5 milioni dieuro per fatture inerenti la tutela dell’ambiente e delterritorio e oltre 1,5 milioni per cultura, turismo e sport.

”A partire dalla prossima settimana – conclude Saitta -daremo il report Provincia per Provincia, indicando anchel’area di intervento interessata ai pagamenti. Entro la finedi giugno, le Province avranno saldato tutti i 718 milioni dieuro liberati dal decreto”. com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su