Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Carceri: Napolitano, realta’ degradante e inammissibile…(1 upd)

colonna Sinistra
Venerdì 7 giugno 2013 - 09:32

Carceri: Napolitano, realta’ degradante e inammissibile…(1 upd)

(ASCA) – Roma, 7 giu – La situazione delle carceri italiane”ha raggiunto soglie di criticita’ non piu’ ammissibili”.

E’ necessario quindi prendere, da parte del governo e delParlamento, ”decisioni non piu’ procrastinabili per ilsuperamento di una realta’ degradante per i detenuti e per lastessa Polizia Penitenziaria che in essa opera”. Lo affermail Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nelmessaggio inviato al Capo del Dipartimentodell’Amministrazione Penitenziaria, Giovanni Tamburino, inoccasione del 196* anniversario della fondazione del Corpodella Polizia penitenziaria.

Napolitano esprime ”alle donne e agli uomini dellaPolizia Penitenziaria il piu’ sentito apprezzamento perl’impegno generoso e la sempre maggiore professionalita’ concui adempiono alle loro funzioni. Nell’eserciziodell’attivita’ di vigilanza loro affidata – sottolinea ilCapo dello Stato – essi fronteggiano quotidianamente lesituazioni di disagio, di sofferenza e di rischio che lapesante realta’ carceraria comporta consentendo di farfronte, con spirito di abnegazione e profondo sensodell’istituzione, alle carenze del sistema, che hannoraggiunto soglie di criticita’ non piu’ ammissibili”. Come Napolitano ha avuto occasione di ricordare ”e’ daconsiderare importante il ‘comune riconoscimento obbiettivodella gravita’ e estrema urgenza della questione carceraria’,che rientra tra le priorita’ di azione del nuovo governo. Sirichiedono ora decisioni non piu’ procrastinabili per ilsuperamento di una realta’ degradante per i detenuti e per lastessa Polizia Penitenziaria che in essa opera, al fine diassicurare l’effettivo rispetto del dettato costituzionalesulla funzione rieducativa della pena e sul senso di umanita’cui debbono corrispondere i trattamenti relativiall’espiazione delle condanne penali. Auspico pertanto -continua il Capo dello Stato – che il Parlamento e ilgoverno, anche riprendendo il disegno di legge sulla modificadel sistema sanzionatorio non giunto a definitivaapprovazione nella precedente legislatura a causa della suafine anticipata, assumano rapide decisioni che conducano adei primi risultati concreti. In questo giorno di solennecelebrazione, nel rendere omaggio alla memoria dei cadutinell’esercizio del loro dovere, esprimo ai loro familiari lavicinanza del Paese e rinnovo a nome dell’intera nazione atutti voi, ai colleghi non piu’ in servizio e alle vostrefamiglie sentite espressioni di apprezzamento ed augurio”.

com-fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su