Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mafia: Grasso, serve nuova dirigenza animata da principi etici

colonna Sinistra
Giovedì 6 giugno 2013 - 19:06

Mafia: Grasso, serve nuova dirigenza animata da principi etici

(ASCA) – Roma, 6 giu – ”Solo una nuova dirigenza animata dasani principi etici, capace di dire no alla mafia e allacorruzione, potra’ contribuire a una rivoluzione culturaleche e’ presupposto indispensabile per liberare il Paese dallaschiavitu’ delle organizzazioni mafiose”. Lo ha detto ilpresidente del Senato, Pietro Grasso intervenendo allapresentazione del libro ”Atlante delle mafie” di EnzoCiconte, Francesco Forgione e Isaia Sales, alla Bibliotecadel Senato a Piazza della Minerva.

”Il successo della mafia e’ purtroppo un’amara verita’:questo fenomeno tutto meridionale e’ diventato un successonazionale e mondiale. Non e’ senza ragione che da unsondaggio si e’ appreso che la parola italiana piu’conosciuta al mondo e’ mafia, seguita dalla parola pizza” haaggiunto Grasso.

”Nel nostro Paese assistiamo a una grave crisi dellalegalita’: e’ venuto meno il sistema dei valori, il sensoetico. Le notizie, i dati, le informazioni riportate dagliorgani d’informazione ci parlano di cattivi esempi, cheportano a cattive imitazioni. Le istituzioni e la societa’civile devono dunque fare un salto di qualita’ – hasottolineato ancora la seconda carica dello Stato -, cioe’passare dalle parole alla realizzazione di progetti. Ilproblema e’ unire valori a interessi, unire la lotta allamafia a un progetto di sviluppo economico, rafforzandol’economia legale, e a un progetto di partecipazionedemocratica”. Cosi’, ”non basta contrastare la mafia. Bisognaricostruire la democrazia nel Mezzogiorno e rafforzarla nelresto d’Italia, con l’impegno di tutti, sia dei cittadini,sia di coloro che rappresentano gli interessi dei cittadininei partiti, nella politica, nelle istituzioni, neisindacati, nei movimenti, nelle associazioni di categoria.

L’antimafia diretta alla repressione della criminalita’mafiosa deve percio’ essere accompagnata dall’antimafia dellacorrettezza della politica e del mercato, dell’efficienzadella pubblica amministrazione, del buon funzionamento dellascuola”.

Per il presidente del Senato ”la mafia oggi puo’ essereconsiderata come la metafora del potere. Infatti, non haideologia e cerca di intrecciare relazioni e rapporti con lapolitica, con l’imprenditoria, con le professioni e con laburocrazia amministrativa soprattutto per appropriarsi difondi pubblici, utilizzandoli poi per entrare inpartecipazione in lucrosi affari. Finche’ mafia e politicaricercheranno il consenso dei cittadini con un sottile giocodi intimidazione, di ricatti, di clientelismo e di interessi,spesso convergenti, non si potra’ mai intravedere unasperanza di cambiamento, non vi potra’ essere alcunprogresso”.

njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su