Header Top
Logo
Domenica 23 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Letta, risultato entro 18 mesi altrimenti trarro’ conseguenze

colonna Sinistra
Mercoledì 5 giugno 2013 - 21:26

Riforme: Letta, risultato entro 18 mesi altrimenti trarro’ conseguenze

(ASCA) – Roma, 5 giu – Il presidente del Consiglio EnricoLetta ribadisce che la tenuta del suo governo e’ legata alleriforme istituzionali e che lui stesso si dimettera’ se nonci sara’ un risultato positivo al termine dei 18 mesi.

”18 mesi – ha puntualizzato Letta – e’ il limite rispettoal quale io ho preso un impegno con il Parlamento. Se non cisara’ il risultato definitivo ne trarro’ le conseguenze”. Sul ddl costituzionale di domani Letta ha spiegato che sitrattera’ di istituire il comitato dei 40, al quale verra’fornito una scadenza per il suo lavoro di 3 o 4 mesiall’interno di un iter che nel suo complesso e’ quello dei 18mesi.

Tra i problemi da affrontare, per Letta, vi e’ quello delbicameralismo perfetto che allunga tutti i tempi deiprocedimenti legislativi e il numero eccessivo deiparlamentari. Per quanto riguarda il presidente della Repubblica ilpresidente del Consiglio ha ribadito di aver svolto unariflessione sul meccanismo di elezione che coinvolge ivotanti con una sostanziale differenza dal passato dellaPrima Repubblica. ”Ritengo – ha commentato – che unariflessione sia necessaria, ma questo e’ un tema sul qualelavoreranno i saggi, il meglio della scienza giuridica”. Analoga posizione ha espresso alla domanda se siafavorevole o meno all’elezione diretta del premier. Se il lavoro di realizzazione della riforma istituzionaleandra’ in porto, per Letta il governo potra’ proseguire pertutta la legislatura. A una domanda su possibili conseguenzedovute alle inchieste giudiziarie di Berlusconi Letta haammesso che ”ci possono essere eventi esterni, ma non hopaura di effetti sul governo”. Letta ha quindi sottolineatoche ”la magistratura e’ autonoma e che fara’ le sue scelte,io non ho mai commentato le sentenze e mi fermo qui”. Meriretroscena sono poi state definite da Letta le voci dirichieste e condizioni che Berlusconi avrebbe fatto giungereal Quirinale in merito ai suoi processi e alla tenuta delgoverno.

min/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su