Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ue: Moavero, italiani possono essere fieri uscita procedura …(1upd)

colonna Sinistra
Giovedì 30 maggio 2013 - 11:27

Ue: Moavero, italiani possono essere fieri uscita procedura …(1upd)

(ASCA) – Roma, 30 mag – ”L’Italia e’ uscita dalla proceduradi infrazione per deficit eccessivo, mentre Paesi comeFrancia, Olanda, Spagna, Belgio e Polonia sono ancora in taleprocedura. Sotto questo profilo quanto fatto dal nostrogoverno, dal Parlamento e dagli italiani e’ un qualchecosa dicui possiamo essere fieri”. E’ quanto rivendica il ministroper gli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi nel corsodell’audizione a Palazzo Madama.

”Come quando si ha studiato e si supera brillantemente unesame – ha proseguito il ministro -. Si tratta di unriconoscimento importante che certifica l’azione di piu’governi, visto che la procedura nei nostri confronti si e’aperta nel 2009. La chiusura della procedura inoltre e’ unriconoscimento importante che ci colloca nella primadivisione di Paesi, insieme a Germania, Svezia, Finlandia equesto ci da’ anche un margine di manovra in piu’ perinvestimenti produttivi”.

Il ministro ha quindi indicato tre ricadute significativeper il nostro Paese dalla chiusura della procedura. Innanzitutto dal punto di vista politico rappresenta ilriconoscimento di una maggiore credibilita’ dell’Italia alivello internazionale. ”Poi auspichiamo che possa avereeffetti positivi sui mercati che e si riducano i tassi diinteresse sul debito pubblico, con conseguente liberazione dirisorse e possibilita’ di ridurre le tasse. Grazie allachiusura della procedura infine – ha concluso Moavero -abbiamo la possibilita’ di poter utilizzare la differenza trail nostro deficit nominale e il 3% rispetto al Pil fissatodal Trattato come un margine per investimenti produttivi. Peril 2013 abbiamo deciso di impiegare queste risorse per ilpagamento dei debiti commerciali della P.A., per il 2014 e’prematuro parlare di cifre precise perche’ tutto dipende daldeficit che avremo”.

njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su