Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Scuola: Province, da Carrozza comprensione per nostre preoccupazioni

colonna Sinistra
Mercoledì 29 maggio 2013 - 15:49

Scuola: Province, da Carrozza comprensione per nostre preoccupazioni

(ASCA) – Roma, 29 mag – La messa in sicurezza degli oltre5000 edifici scolastici delle Province e l’allarme per idrammatici tagli ai fondi destinati al funzionamento dellescuole superiori sono stati i temi al centro dell’incontroavuto oggi tra il Ministro dell’Istruzione, Maria ChiaraCarrozza e una delegazione dell’Ufficio di Presidenza Upicomposta dal Presidente, Antonio Saitta, dal Vice PresidenteAngelo Vaccarezza, dal Presidente del Consiglio DirettivoLeonardo Muraro, dal Presidente della Provincia di PotenzaPiero Lacorazza e dall’assessore all’istruzione dellaProvincia di Firenze Giovanni Di Fede. ”Abbiamo consegnato al Ministro i nostri Dossier sullascuola, con i dati drammatici sui tagli alle risorse sia perla messa in sicurezza degli edifici che sul normalefunzionamento delle scuole. Abbiamo ricordato che, dopo 5anni dalla delibera CIPE che assegnava 758 milioni di europer la sicurezza delle scuole, a Province e Comuni, abbiamoricevuto negli ultimi mesi, e solo dopo i ripetuti allarmilanciati, appena il 13% del totale. Fino al 2011 le Provincesono riuscite in qualche modo a supplire alla totalelatitanza del Governo centrale, ma adesso, con i taglidrammatici che abbiamo subito negli ultimi tre anni, di cui1,2 miliardi solo per il 2013, non abbiamo piu’ un soldo.

Avevamo programmato interventi per oltre 727 milioni di euro,da fare nell’anno e in particolare nei mesi estivi, quando lescuole sono chiuse, ma non potremmo realizzarne se non per212 milioni di euro. Il resto , che pure e’ necessario, nonpotra’ essere fatto. Per questo abbiamo presentato alMinistro la nostra richiesta di escludere le spese per lasicurezza delle scuole dal patto di stabilita’, perche’ lascuola deve diventare la priorita’ del Paese, e di finanziareun fondo unico per l’edilizia scolastica, in cui fareconvergere tutte le risorse che abbiamo a disposizione, anchequelle che derivano dai finanziamenti europei, per avviare ungrande piano di edilizia scolastica. Abbiamo apprezzato -sottolinea Saitta – la comprensione per le nostrepreoccupazioni mostrata dal Ministro, con la quale neiprossimi giorni continueremo il dialogo costruttivo avviatooggi per trovare insieme soluzioni comuni. L’obiettivo e’ direstituire alla scuola il ruolo centrale nelle sceltepolitiche, economiche e sociali del Paese che gli spetta”. com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su