Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Agricoltura: Cia, servono urgenti misure a sostegno Pmi e occupazione

colonna Sinistra
Mercoledì 29 maggio 2013 - 16:47

Agricoltura: Cia, servono urgenti misure a sostegno Pmi e occupazione

(ASCA) – Roma, 29 mag – Servono subito misure per le impresee a sostegno dell’occupazione. Tra il record di fallimentiaziendali nel primo trimestre (+12%) e il calo previsto diassunzioni nel secondo (-55mila), e’ sempre piu’ allarmelavoro. Per questo c’e’ bisogno di provvedimenti ‘ad hoc’ daparte del governo che, agevolando le Pmi sotto il profilo deicosti, inneschino nuova occupazione tra i giovani.

Soprattutto in un settore come l’agricoltura che ha gia’dimostrato di saper creare posti di lavoro con un incrementodel 3,6% del numero di assunti nel 2012, in controtendenzarispetto all’andamento generale. Lo afferma in una nota la Confederazione italianaagricoltori (Cia).

Gli oneri fiscali, la burocrazia elefantiaca e il ‘creditcrunch’ sono i tre iceberg – spiega la Cia – che rischiano diaffondare le imprese, in particolare quelle giovani a cui lebanche sono piu’ restie a concedere prestiti. Quasiun’azienda su due (il 48%)rischia di chiudere i battentientro i primi cinque anni di attivita’. Eppure, proprio lepiccole e medie imprese sono le piu’ preziose in chiaveoccupazionale: l’Ue segnala che quasi il 60% dei nuovi postidi lavoro e’ creato in aziende con meno di 10 addetti. Unassunto ancora piu’ vero in Italia, dove le Pmi rappresentanol’ossatura e il motore del nostro sistema economico eproduttivo.

Ecco perche’ – continua la Cia – ora attendiamo al piu’presto la proposta del ministro Giovannini, con lapossibilita’ della ”staffetta generazionale” anche al mondoagricolo. Ma non basta: alle aziende servono agevolazioni fiscali econtributive e, soprattutto, una riduzione del costo dellavoro. Basti pensare che nel nostro le aliquote a caricodell’imprenditore agricolo per l’assunzione di manodoperasono pari al 35% circa, contro il 12% del Regno Unito, il 13%della Francia o il 15,8 % della Spagna. com-stt/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su