Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Privacy: Garante, su contrassegni ztl niente nomi ditte individuali

colonna Sinistra
Venerdì 24 maggio 2013 - 11:39

Privacy: Garante, su contrassegni ztl niente nomi ditte individuali

(ASCA) – Roma, 25 mag – Il contrassegno per il transito e lasosta nelle zone a traffico limitato (Ztl) non puo’contenere, nella parte visibile a tutti, i dati cheidentificano direttamente l’interessato, anche nel caso diintestazione a ditte individuali.

Lo ha precisato il Garante a seguito della segnalazione di uncittadino che lamentava come sui contrassegni forniti agliagenti di commercio per l’accesso e la sosta nella Ztl dellasua citta’ venisse apposto, oltre ad un ologramma per lalettura ottica e alla targa dell’autovettura, anche il nome ecognome dell’interessato. Interpellato dal Garante, ilservizio competente del Comune aveva spiegato cheeffettivamente per i titolari di aziende di commercio eservizi era stata prevista l’apposizione sui contrassegnidella ragione sociale dell’azienda che, qualora venisseesercitata in forma di impresa individuale, doveva contenerealmeno la sigla o il cognome dell’imprenditore. Il trattamento e’ pero risultato illecito. Come ha spiegatol’Autorita’, l’apposizione sui contrassegni della ragionesociale dell’azienda individuale, essendo in questo casoidonea a identificare direttamente l’interessato, configuraun trattamento di dati riguardanti le persone fisiche. Questidati, in base al Codice privacy, non possono essere indicatisulla parte visibile dei contrassegni rilasciati per lacircolazione o la sosta dei veicoli nelle Ztl, i quali devonocontenere invece solo informazioni indispensabili aindividuare l’autorizzazione rilasciata. L’Autorita’ ha dunque prescritto al Comune di non apporre infuturo sulla parte dei contrassegni che devono essere espostisui veicoli, il nome e cognome dell’interessato eventualmentecontenuti nella ragione sociale dell’azienda esercitata informa di impresa individuale, ma di indicare solo i datiriguardanti l’autorizzazione. Il Comune ha sei mesi di tempoper adempiere.

Il Garante, infine, si e’ riservato con autonomoprovvedimento, di verificare i presupposti per contestare alcomune la violazione amministrativa concernente la diffusionedi dati personali in mancanza di idonei presuppostinormativi.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su