Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Camera: ufficio stampa replica a ”Ballaro”’, sprechi non veri

colonna Sinistra
Giovedì 23 maggio 2013 - 10:32

Camera: ufficio stampa replica a ”Ballaro”’, sprechi non veri

(ASCA) – Roma, 22 mag – Con riferimento al servizio ”Cartacanta” trasmesso nella puntata del 21 maggio di”Ballaro”’, l’Ufficio Stampa della Camera dei deputatiprecisa quanto segue: il servizio di ”Ballaro”’ ha offertouna rappresentazione distorta e informazioni noncorrispondenti al vero in merito alla stampa di attiparlamentari alla Camera dei deputati. In particolare, sirileva tra l’altro: la Camera non spende ”oltre 9 milioni dieuro all’anno”, per la stampa degli atti parlamentari; lostanziamento per il 2013, come si puo’ agevolmente leggerenel bilancio di previsione sul sito della Camera, e’ di euro5.140.000; nell’ultimo biennio la Camera ha ridotto del 50%le pagine di atti parlamentari stampate; le rimanenze sonostate quasi azzerate; si stampa cio’ che allo stato e’indispensabile per il procedimento legislativo e per gliobblighi di pubblicita’ dei lavori parlamentari; in nessuncaso rimanenze di atti parlamentari sono stoccate nei localidi Castelnuovo di Porto. In queste settimane, la sede diCastelnuovo di Porto e’ stata utilizzata per la verifica,come in passato, dei risultati elettorali e per diversi altriscopi; l’accostamento polemico che la giornalista compie trala Camera ”sprecona” e la virtuosa esperienza di un entelocale in tema di digitalizzazione degli atti e’ improprio:in ogni caso, alla Camera non c’e’ chi e’ pagato per farefotocopie di fotocopie, ne’ per distribuire tra gli uffici lefotocopie della corrispondenza. Da ultimo, si precisa che l’importo di 1.845 euro mensilicui fa riferimento il deputato Matarrelli non e’ riservatoalle spese informatiche, ma e’ erogato a titolo di rimborsodi diverse categorie di spese di esercizio del mandato: inparticolare, spese per collaboratori, consulenze e ricerche;per la gestione di un ufficio; spese connesse all’uso di retipubbliche di consultazione dati; per l’organizzazione diconvegni a sostegno delle attivita’ politiche. Nelle passatelegislature – e lo sara’ anche in questa – e’ stato previstouno specifico rimborso spese per l’acquisto da parte deideputati di apparecchiature informatiche pari, da ultimo, aeuro 2.500 ma per l’intera legislatura.

com-gar/cam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su