Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Violenza donne: Grasso, tema sia priorita’ governo e Parlamento

colonna Sinistra
Mercoledì 22 maggio 2013 - 11:10

Violenza donne: Grasso, tema sia priorita’ governo e Parlamento

(ASCA) – Roma, 22 mag – ”Per la complessita’ delle sueragioni e per la pluralita’ delle sue manifestazioni, laviolenza contro le donne puo’ essere combattuta solo con unastrategia condivisa e coordinata. Il tema della violenzaverso le donne deve essere inserito tra le priorita’dell’agenda politica del Parlamento e dell’azione delGoverno”. Lo ha chiesto il presidente del Senato, PietroGrasso, nel corso del suo intervento in occasionedell’Incontro sulla violenza di genere oggi a Roma.

Per il presidente Grasso ”sono necessari interventimirati in ambito giudiziario, sanitario e culturale, chevanno definiti e attuati in sinergia con le associazioni egli enti di volontariato. Per contrastare efficacementequesta deriva ritengo essenziale garantire alle vittime unaprotezione efficace sin dai primi atti penalmente rilevanti.

Cio’ consentirebbe, da un lato, di prevenire offese ulteriorie piu’ gravi, con un crescendo di intensita’ che spessoculmina nell’omicidio; dall’altro, faciliterebbe l’emersionedi sopraffazioni, che in troppi casi vengono tenute nascostedalle stesse vittime per paura o per vergogna”.

”Quella di oggi – ha poi ricordato Grasso – e’ un’occasionepreziosa per riflettere su un fenomeno che ha ormai assuntole dimensioni di una vera e propria emergenza sociale: laviolenza di genere. Sono pienamente consapevole e preoccupatodi questo fenomeno in tutte le sue forme, dal sessismo dicerte affermazioni considerate ‘leggere’ alle offese e alleminacce, dall’uso che purtroppo sta diventando frequenteanche nel nostro paese dell’acido come forma di sfregio aitroppi casi di femminicidio”. Il presidente ha poi ricordatodi aver ”piu’ volte sostenuto che dobbiamo affrontare questaemergenza in maniera globale e sotto ogni aspetto, non solorepressivo ma anche preventivo, con il coinvolgimento ditutti i saperi che possano contribuire a una maggior tutela,per garantire la sicurezza, la vigilanza nelle strade, luoghidi aggregazione sul territorio, un’urbanistica ripensatatenendo conto della sicurezza dei cittadini, ma senzadimenticare l’importanza della reazione sociale, delcambiamento culturale e della piena attuazione delle misurelegislative, ove non occorrano nuove norme”.

com-brm/sam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su