Header Top
Logo
Giovedì 22 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Iva: Cia, con aumento luglio consumi alimentari rischiano calo dell’1,5%

colonna Sinistra
Martedì 21 maggio 2013 - 15:18

Iva: Cia, con aumento luglio consumi alimentari rischiano calo dell’1,5%

(ASCA) – Roma, 21 mag – Il previsto aumento dell’Iva apartire dal primo luglio allontanera’ sempre di piu’ laripresa ”gelando” i consumi gia’ in crisi. C’e’ il seriorischio che questo rialzo possa tradursi a fine anno in uncalo ulteriore di un punto e mezzo percentuale dei consumialimentari, il cui trend appare gia’ oggi molto negativo conun crollo del 3% circa in quantita’ nel primo bimestre del2013. Lo afferma in una nota la Confederazione italianaagricoltori (Cia). E’ vero che l’aumento dell’Iva dal 21 al 22% non riguardabeni di prima necessita’ come pasta o pane, ma coinvolge -ricorda la Cia- tuttavia prodotti di largo consumo come acquaminerale, vino e spumanti, birra, succhi di frutta, caffe’ ebevande gassate. Senza contare – prosegue l’associazione di categoria – cheil rialzo sulla voce carburante avra’ comunque effetti sulsettore, visto che in Italia, per arrivare dal campo allatavola, i prodotti alimentari viaggiano su gomma nell’85% deicasi: l’aumento delle spese di trasporto, quindi, andra’ a”pesare” sui listini al supermercato. Spingendoli in alto.

E’ chiaro, quindi, l’impatto devastante che questa misuraavra’ sul portafoglio degli italiani – sottolinea la Cia -tanto piu’ che gia’ oggi 7 famiglie su 10 sono costrette a”tagliare” su cibo e sanita’ per colpa della crisi. Ilgoverno, quindi, deve capire che non e’ questa la soluzione,anche perche’ non c’e’ alcuna possibilita’ di ripresaeconomica attuando misure che abbattono ancora di piu’ iconsumi domestici. com-stt/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su