Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • L.elettorale: depositato a Senato ddl Finocchiaro Mattarellum corretto

colonna Sinistra
Lunedì 20 maggio 2013 - 15:08

L.elettorale: depositato a Senato ddl Finocchiaro Mattarellum corretto

(ASCA) – Roma, 20 mag – E’ stato depositato oggi al Senato ilddl a firma della senatrice Pd, Anna Finocchiaro, presidentedella commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama cheriforma l’attuale legge elettorale (il Porcellum) con unaformula che si rifa’, con opportune correzioni, alle normeprecedenti (Mattarellum).

Il ddl si presenta come una norma transitoria, in attesadella riforma vera e propria, conseguente alla revisionedella costituzione, volta insomma ”a regolare nuoveconsultazioni elettorali nel caso in cui il legislatore nonfosse stato preliminarmente in grado di provvedere allarevisione della Parte II, Titolo I della Costituzione, e diadottare una nuova, conseguente, legge elettorale” come siprecisa nella relazione al provvedimento.

Entrando nel merito, le principali modifiche rispetto alMattarellum consistono nell’abolizione, per la Camera, delvoto distinto su liste di candidati nelle circoscrizioni delterritorio nazionale e nell’abolizione del cosiddettoscorporo, al fine di rendere piu’ incisivo l’effettomaggioritario dell’attribuzione dei seggi alle listeconcorrenti; nell’introduzione di un premio di maggioranzaper entrambe le Camere ancorato al raggiungimento dellasoglia del 40% del totale di voti attribuiti a gruppi dicandidati, insieme alle liste di candidati per lacircoscrizione Estero, che si siano identificati con ilmedesimo contrassegno, e fino al raggiungimento del 55% deiseggi attribuiti, operando a valere sui seggi della quotaproporzionale; nell’introduzione di sistemi di riequilibriodella rappresentanza di genere.

”Il risultato che ci si propone di raggiungere con ildisegno di legge e’ quello di disporre un sistema che tendaad assicurare un risultato diretto all’esercizio del voto daparte di ciascun elettore, sollecitando al contempo laresponsabilita’ dei cittadini in ordine agli effetti delproprio voto per la costituzione di stabili maggioranzeparlamentari”, si precisa nella relazione.

Sempre con lo stesso proposito il sistema tenderebbeinoltre ”a disincentivare la formazione di maggioranzedisomogenee alla Camera dei Deputati e al Senato dellaRepubblica”.

Con l’art. 3 del disegno di legge infine si attribuisceuna delega al Governo per la revisione dei collegielettorali, ”in ragione della necessita’ di tenere conto deimutamenti demografici intervenuti e rilevati con l’ultimocensimento della popolazione”.

njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su