Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Imu: Brunetta, soluzione Fassina non va bene. Aumenta incertezza

colonna Sinistra
Lunedì 20 maggio 2013 - 14:34

Imu: Brunetta, soluzione Fassina non va bene. Aumenta incertezza

(ASCA) – Roma, 20 mag – ”Il viceministro Fassina mette laretromarcia e in una dichiarazione rilasciata ieri individuala soluzione per scongiurare l’aumento dell’Iva a partire dalprossimo primo luglio: ‘basterebbe evitare di eliminare l’Imuper tutti i proprietari di prima casa, ricchi compresi eportare a 450 euro la detrazione. Esenteremmo l’85% dellefamiglie e risparmieremmo i due miliardi necessari perl’Iva’. Ricordo al viceministro che senza una riformacomplessiva della tassazione sulla casa qualsiasi ipotesi dirimodulazione dell’Imu e’ non solo impossibile ma soprattuttoingiusta e lo invito a rivedere i suoi conti”. Lo haaffermato il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta, inun comunicato.

Secondo l’esponente del centrodestra, ”il calcolo diFassina e’ semplice e trova la sua base nel documento delMinistero dell’Economia che analizza i versamenti Imu per il2012. In quel documento si dice che a superare la soglia dei400 euro di versamento per la prima casa sono il 14,86% deicontribuenti. Il valore versato da queste famiglie e’ pari al46,32% dei quattro miliardi complessivi di Imu perl’abitazione principale. La soluzione di Fassina, come e’ovvio, non funziona, perche’ portando a 450 euro ladetrazione diminuisce il gettito complessivo e non si arrivaa 2 miliardi. Ammettendo tuttavia di seguirlo nel suoragionamento, di mantenere i versamenti del 2012 per chi hapagato piu’ di 400 euro e aumentare la detrazione per tuttigli altri l’unico risultato che si ottiene e’ una profondaingiustizia sociale. Peccato che, secondo i dati dellostesso Ministero dell’Economia, l’88% dell’Imu e’ versata dacontribuenti il cui reddito non supera i 55 mila euroall’anno. Si domandi il viceministro Fassina se sono loro iricchi proprietari di casa ai quali sta pensando e, rivisti isuoi conti, si dia una risposta”. ”Ma si domandi – ha concluso Brunetta – anche perche’ lamedia dei versamenti a Roma e’ di 537 euro e a Milano di 292euro, perche’ le famiglie che vivono in appartamenti nuovi inperiferia pagano molto di piu’ di quelle che vivono in centroe via cosi’. Stiamo lavorando con serieta’ al problemadell’Iva e siamo tutti preoccupati di disegnare politicheefficaci per occupazione e reddito, con le sue dichiarazioniFassina non fa altro che far crescere l’incertezza e laconfusione”. com-brm/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su