Header Top
Logo
Venerdì 28 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Sanita’: Cittadinanzattiva, federalismo al capolinea. Diritti ristretti

colonna Sinistra
Mercoledì 8 maggio 2013 - 11:55

Sanita’: Cittadinanzattiva, federalismo al capolinea. Diritti ristretti

(ASCA)- Roma, 8 mag – ”Un federalismo al capolinea, che haindotto le regioni a restringere i diritti, impoverito ilservizio sanitario pubblico a vantaggio del privato estremato i cittadini, creando differenze territoriali senzaprecedenti”. E’ quanto ha dichiarato, Antonio Gaudioso,segretario generale di Cittadinanzattiva alla presentazionedel Rapporto 2012 dell’Osservatorio civico sul federalismo insanita’ di Cittadinanzattiva. ”E mentre la direttiva europea approvata nel 2011 – haproseguito Gaudioso, citato in una nota – stabilisce che icittadini della Ue possono scegliere liberamente in qualestato curarsi, assistiamo nel nostro Paese a disparita’ ditrattamento dei cittadini a seconda della regione diresidenza e, addirittura, alla delibera con il cui ilsubcommissario campano alla sanita’ vieta di fatto ai propriresidenti di curarsi fuori dal proprio territorio. Untentativo anacronistico e anticostituzionale”.

L’Osservatorio civico – spiega la nota – reso possibilegrazie al contributo non condizionato di Bristol Myers Squibbe Pfizer e’ stato attivato nel 2011 daCittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato al finedi approfondire il tema del federalismo sanitario mettendoinsieme il punto di vista del cittadino come utente finaledel servizio con l’insieme dei dati di natura istituzionale etecnica. In tale quadro il Rapporto 2012 fa il punto su alcune areetematiche: percorso materno-infantile, procreazionemedicalmente assistita, prevenzione e vaccini, reteoncologica, assistenza territoriale, assistenza farmaceuticae un focus sul livello di trasparenza delle nostre regioni. com-stt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su