Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Governo: Arcigay, Biancofiore? Ancora troppi gli impresentabili

colonna Sinistra
Sabato 4 maggio 2013 - 17:43

Governo: Arcigay, Biancofiore? Ancora troppi gli impresentabili

(ASCA) – Roma, 4 mag – ”Siamo soddisfatti per la revocadell’immeritata delega a sottosegretario per le PariOpportunita’ a Michaela Biancofiore ma il governo, haancora” al suo interno ”troppi impresentabili, dovrebbetenerne conto. Biancofiore e’ il secondo politico italiano,dopo Rocco Buttiglione al quale nel 2004 era stata respintala candidatura a Commissario europeo per infelicidichiarazioni sugli omosessuali, che viene giudicato nonidoneo a ricoprire un incarico pubblico perche’ con i propriatti e le dichiarazioni ha dato prova di discriminareattivamente una parte della popolazione”. E’ quantocomunicato, in una nota, dal presidente dell’Arcigay, FlavioRomani. Per il rappresentate della comunita’ gay, ”e’necessario che i partiti, di qualunque colore, vigilino conattenzione affinche’ chi si candida a ricoprire un incaricodi pubblico amministratore sia garante di tutta lapopolazione e di tutte le minoranze senza distinzione. Chiattivamente e’ omofobo, razzista, machista, chi odia gay,lesbiche, trans, stranieri e cosi’ via non deve e non puo’avere cittadinanza nelle istituzioni”.

”Resta vacante la carica di sottosegretario alle PariOpportunita’, un ministero chiave per accrescere il benesseree la coesione sociale in un momento di particolaredifficolta’ come quello che viviamo. La scelta – hasottolineato Romani – dovrebbe cadere su persone checonoscono la complessita’ e la delicatezza delle questioni dicui si dovrebbero occupare, in particolare per cio’ cheriguarda le persone LGBT. Nella societa’ civile o, peresempio, all’UNAR, Ufficio antidiscriminazioni, esistonoprofessionalita’ che potrebbero continuare con successo illavoro gia’ iniziato con il precedente ministro”.

Romani, in conclusione, ha chiesto per questo ruolo ”unapersona che si impegnasse a promuovere la cultura delrispetto e dell’accoglienza per tutte e tutti, continuando laproficua sinergia con il terzo settore. Il Governo, chepurtroppo ha ancora nelle sue file e nelle retrovie, troppiimpresentabili, dovrebbe tenerne conto”.

com-brm/vlm/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su