Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: le regole del Garante privacy per la propaganda

colonna Sinistra
Venerdì 3 maggio 2013 - 12:38

Elezioni: le regole del Garante privacy per la propaganda

(ASCA) – Roma, 3 mag – In vista delle prossime elezionicomunali e dell’elezione del consiglio regionale della Valled’Aosta, il Garante per la privacy ha approvato unprovvedimento contenente alcune semplificazioni per partitipolitici e candidati, i quali in alcuni casi speciali (ades. dati raccolti da registri o elenchi pubblici, invio dimateriale propagandistico di piccole dimensioni) sonotemporaneamente esonerati dall’obbligo di informare icittadini sull’uso dei dati che li riguardano.Nelprovvedimento, in corso di pubblicazione nella GazzettaUfficiale, trovano inoltre, conferma le regole – gia’ fissatenel provvedimento generale in materia – in base alle qualipartiti politici e candidati possono utilizzare correttamentea fini di propaganda elettorale i dati personali deicittadini (es. indirizzo, telefono, e- mail etc.). Datiutilizzabili senza consenso. Partiti, organismi politici,comitati promotori, sostenitori e singoli candidati cheintendono contattare gli elettori ed inviare materiale dipropaganda possono usare senza il consenso dei cittadini idati contenuti nelle liste elettorali detenute dai Comuni,nonche’ i dati personali di iscritti ed aderenti. Possonousare anche altri elenchi e registri in materia di elettoratopassivo ed attivo (es. elenco degli elettori italianiresidenti all’estero) ed altre fonti documentali detenute dasoggetti pubblici accessibili a chiunque. I titolari dicariche elettive possono utilizzare i dati raccolti nelquadro delle relazioni interpersonali avute con cittadini edelettori.

Dati utilizzabili con il previo consenso. E’ necessario ilconsenso dei cittadini per particolari modalita’ dicomunicazione elettronica come sms, e-mail, mms, telefonatepreregistrate e fax. Analogo discorso nel caso si utilizzinodati raccolti automaticamente su Internet o ricavati daforum, social network o newsgroup, liste di abbonati ad unprovider, dati presenti sul web per altre finalita’.

E’ obbligatorio, poi, raccogliere il consenso per poter usarei dati degli abbonati presenti negli elenchi telefonici. Sonoutilizzabili, sempre se si e’ ottenuto preventivamente ilconsenso degli interessati, anche i dati relativi asimpatizzanti o altre persone gia’ contattate per singoleiniziative o che vi hanno partecipato (es. referendum,proposte di legge, raccolte di firme).

Dati non utilizzabili. Non sono in alcun modo utilizzabiligli archivi dello stato civile, l’anagrafe dei residenti,indirizzi raccolti per svolgere attivita’ e compitiistituzionali dei soggetti pubblici o per prestazioni diservizi, anche di cura; liste elettorali di sezione gia’utilizzate nei seggi; dati annotati privatamente nei seggi dascrutatori e rappresentanti di lista durante le operazionielettorali.

Informazione ai cittadini. In generale, i cittadini devonoessere sempre informati sull’uso che si fa dei loro dati.

Partiti, movimenti politici, sostenitori e singoli candidatipossono tuttavia prescindere da questo obbligo di informativasino al 31 agosto 2013 solo se i dati sono raccolti daregistri ed elenchi pubblici, nonche’ se sono utilizzatiper l’invio di materiale propagandistico di dimensioni cosi’ridotte da non consentire di inserirvi una informativa, anchesintetica. Trascorso tale termine ai cittadini dovra’ essereresa una idonea informativa entro il 31 ottobre 2013,altrimenti i dati dovranno essere cancellati.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su