Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ogm: Cia, favorevoli ad adozione clausola salvaguardia

colonna Sinistra
Lunedì 29 aprile 2013 - 14:25

Ogm: Cia, favorevoli ad adozione clausola salvaguardia

(ASCA) – Roma, 29 apr – ”Siamo favorevoli all’adozione inItalia della clausola di salvaguardia nei confronti degliOgm. Per questo motivo condividiamo la mozione presentata inparlamento dall’on. Susanna Cenni, con la quale s’impegna ilgoverno a muoversi su questa linea per evitare ogni forma dicoltivazione nel nostro paese di organismi geneticamentemodificati a livello europeo e di tutelare la sicurezza delmodello economico e sociale di sviluppo dell’agroalimentareitaliano, garantendo cosi’ consumatori e produttoriagricoli”. Lo scrive in una nota il presidente dellaConfederazione italiana agricoltori (Cia), Giuseppe Politi.

”Siamo fermamente convinti – aggiunge – che gli Ogm nonservono alla nostra agricoltura diversificata e saldamentelegata alla storia, alla cultura, alle tradizioni dellevariegate realta’ rurali. La nostra contrarieta’ non e’ideologica. Siamo, infatti, convinti che in Italia ed inEuropa e’ possibile produrre colture libere da biotech, conbeneficio per l’ambiente, la salute, nonche’ per migliorareil reddito degli agricoltori e degli allevatori”.

Secondo POliti, inoltre ”non dobbiamo sottovalutare chenel nostro Paese c’e’ un fronte anti-Ogm molto piu’ ampio. Lasicurezza alimentare, il principio di precauzione, laqualita’ delle produzioni sono argomenti che stimolano gliinteressi dei cittadini italiani, i quali hanno piu’ volteribadito la loro contrarieta’ al biotech e soprattuttol’intenzione di voler mangiare bene, sano e tipico”.

Tuttavia, Politi precisa come tutto cio’ ”non significache la nostra posizione sia oscurantista. Da parte della Cianon c’e’ alcuna preclusione nei confronti della scienza edella ricerca. Il tutto, comunque, deve essere fatto nelpieno rispetto del principio di precauzione e della tuteladelle esigenze peculiari delle produzioni di qualita’ etipiche dei territori agricoli italiani. Nessuno – allerta ilpresidente Cia – ha mai pensato che fine farebbero i prodottitipici e di qualita’ delle nostre terre con le coltivazioniOgm: con il biotech c’e’ il rischio di far scomparire dalletavole una varieta’ straordinaria di produzionid’eccellenza”. Per quanto concerne la mozione dell’on Cenni ”siamod’accordo anche sul fatto che bisogna prevedere, in relazionealla stagione delle semine avviata in gran parte del paese,l’aumento delle attivita’ di controllo per potenziare,d’intesa con le regioni, la sorveglianza sui prodottisementieri in corso di distribuzione ed intervenire inpresenza di sementi transgeniche non autorizzate”, concludil presidente della Cia, Politi.

com-stt/res

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su