Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Senato: Grasso, mettere in agenda diritti umani, basta violazioni

colonna Sinistra
Venerdì 12 aprile 2013 - 12:06

Senato: Grasso, mettere in agenda diritti umani, basta violazioni

(ASCA) – Roma, 12 apr – ”Da tempo ormai il Senato e’impegnato a favorire la tutela e la promozione dei dirittiumani. E’ mio auspicio che le assemblee parlamentari torninoa mettere presto nelle proprie agende il tema dei dirittiumani, della loro violazione, del loro riconoscimento sottoogni latitudine”. Lo ha affermato il presidente del SenatoPietro Grasso nel suo intervento in Aula in occasione dellaseduta straordinaria dedicata al tema dei diritti umani, conil ministro dell’Istruzione Alessandro Profumo e lapartecipazione di 250 studenti di dieci istituti superiori,che hanno approfondito quanto contenuto nella DichiarazioneUniversale del 10 dicembre 1948.

Grasso dice che essere Testimoni dei diritti ”significaproporre un modello di cittadinanza aperto e responsabile,ispirato ai valori della solidarieta’, dell’accoglienza, delriconoscimento dell’altro. Parlando di autodeterminazionedella persona e dei popoli, di diritto all’istruzione e allapace, di sviluppo della personalita’, persino di riposo e disvago, vi siete calati nella concretezza della vita diciascuno di voi e di quanti hanno sofferto e soffrono tuttorala negazione dei piu’ elementari diritti enunciati nellaDichiarazione”.

Nel suo intervento in Aula la seconda carica dello Statoricorda: ”Nella mia esperienza di magistrato ho imparato chela lotta contro ogni tipo di illegalita’ non puo’ limitarsiall’uso di mezzi repressivi, pur necessari.

L’illegalita’, la malavita, le forme piu’ diverse e piu’violente di criminalita’ organizzata fioriscono laddove ladignita’ della persona viene negata e umiliata. Nel momentoin cui la liberazione dal bisogno viene frustrata, larivendicazione di diritti si perverte nella richiesta serviledi favori. Lo spirito di fratellanza viene sostituitodall’appartenenza al gruppo chiuso, alla cosca. Il gregarismodiventa il modello di comportamento del cittadinoumiliato”.

Di qui l’invito ai ragazzi: ”Non smettete mai ditestimoniare la Dichiarazione universale dei diritti umani.

Non lasciatevi mai convincere che i diritti sono cosa lontanadalle vostre vite, dai vostri progetti, dalle vostresperanze. I diritti ci sono dati dalla nascita. Spetta aciascuno di noi, a ciascuno di voi difenderli e farlicrescere giorno per giorno”.

com-ceg/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su