Header Top
Logo
Sabato 22 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Expo 2015: Pisapia e Maroni, legge speciale e commissario unico (1 upd)

colonna Sinistra
Mercoledì 10 aprile 2013 - 17:21

Expo 2015: Pisapia e Maroni, legge speciale e commissario unico (1 upd)

(ASCA) – Milano, 10 mar – Una legge speciale per Milano sulmodello di quella gia’ approvata per il Giubileo di Roma e uncommissario unico con le deleghe attualmente divise tra ilcommissario straordinario, Giuliano Pisapia e il commissariogenerale, Roberto Formigoni. E’ questa la richiesta che ilsindaco di Milano, Giuliano Pisapia e il presidente dellaRegione Lombardia, Roberto Maroni, lanciano al governo suExpo 2015.

I due si sono incontrati per circa un’ora nel Palazzodella Regione e hanno pesso a punto la strategia comune datenere nei confronti di Roma. ”L’Expo necessita una leggespeciale perche’ non si puo’ andare avanti con questeincertezze”. L’idea, ha detto ancora il sindaco di Milano,e’ di fare pressing sul governo per ottenere ”una leggespeciale come quella che ha avuto Roma per il Giubileo”.

Stesso discorso sulla necessita’ di avere un commissariounico. Allo stato attuale sono infatti due i commissari chesi occupano di Expo: lo stesso Pisapia, che ha il ruolo dicommissario straordinario, e l’ex presidente della RegioneFormigoni, con l’incarico di commissario generale.

”Sono pronto a lasciare il ruolo di commissariostraordinario – ha detto Pisapia a questo proposito – difronte a una persona che abbia capacita’ e goda della fiduciadelle istituzioni”.

Anche per Maroni ”il commissario unico deve occuparsi diExpo a tempo pieno. serve una persona che si dedichi a tempopieno h24, a questo”. Perche’ altrimenti, ha detto ancoraMaroni, ”c’e’ il rischio che i lavori non si concludano intempo utile”. Ne’ Pisapia ne’ Maroni si sono sbilanciati sui possibili’papabili’ per la figura di commissario unico dell’Expo.

Quando gli e’ stato chiesto se potrebbe essere RobertoFormigoni, Maroni si e’ limitato a dire che ”il commissariolo decidera’ il governo”. Quanto, infine, al possibiletaglio di 10 milioni degli stanziamenti del governo per Expo,secondo Maroni ”gli investimenti frutto di accordiinternazionali come l’Expo non possono essere oggetto ditagli”.

fcz/mau/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su