Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Parlamento: prova di forza del M5S, ma resta isolato

colonna Sinistra
Martedì 9 aprile 2013 - 08:32

Parlamento: prova di forza del M5S, ma resta isolato

(ASCA) – Roma, 9 apr – Il M5S ha deciso di occupare le Aule di Senato e Camera dopo la conclusione delle sedute previste per oggi. Senatori e deputati grillini resteranno negli emicicli fino a mezzanotte, alternandosi nella lettura degli articoli della Costituzione e dei regolamenti delle due Assemblee. Alla Camera la seduta e’ convocata alle 15 con all’ordine del giorno l’ampliamento dei poteri della commissione speciale istituita per valutare il disegno di legge del governo sulla Pubblica amministrazione e lo schema del decreto legislativo sull’ordinamento su Roma capitale. Al Senato l’Aula e’ convocata alle 16,30 per discutere alcune mozioni sulla Tares (la nuova imposta sui rifiuti). L’iniziativa, decisa in una assemblea dei parlamentari del M5S, ha come obiettivo la protesta contro il mancato avvio del lavoro delle commissioni delle due Camere. Le obiezioni regolamentari sul fatto che non essendo in carica un governo non esistono ne’ maggioranza ne’ opposizione e che non puo’ partire l’attivita’ legislativa avanzate da Piero Grasso e Laura Boldrini, presidenti di Senato e Camera, non hanno dissuaso i parlamentari del M5S. I capigruppo Vito Crimi e Roberta Lombardi dichiarano di voler ”ripartire dalle regole” e chiedono che ”tutte le forze politiche votino la ineleggibilita’ di Silvio Berlusconi e dei suoi avvocati”. Lombardi aggiunge che ”elezioni a giugno sarebbero una sciagura per una questione dei costi”. L’iniziativa del M5S resta isolata. Dichiara Gennaro Migliore, capogruppo di Sel alla Camera: ”L’occupazione delle Aule parlamentari e’ un’operazione antidemocratica e disgustosa, e spero che si tratti solo di una boutade”. Le obiezioni all’iniziativa del M5S ruotano intorno all’idea che di fronte alla drammaticita’ della situazione economica bisognerebbe concentrarsi sul problema della governabilita’ invece che su quello procedurale dei regolamenti parlamentari, dal momento che – salvo alcune eccezioni, come la discussione intorno a una nuova legge elettorale – con l’auto convocazione delle commissioni parlamentari non ci sarebbero ordini del giorno da discutere e non si saprebbe come procedere all’elezione delle loro presidenze. Ieri, in occasione della commemorazione del senatore Gerardo Chiaromonte svoltasi a Palazzo Madama, il presidente Giorgio Napolitano ha inoltre pronunciate parole chiare sull’attualita’ politica: ”Certe campagne, che si vorrebbero moralizzatrici, in realta’ si rivelano nel loro fanatismo negatrici e distruttive della politica”. Poi, parlando dei governi del periodo 1976-1979 che videro l’astensione del Pci, ha sottolineato: ”Ci volle coraggio in quella scelta inedita di larga intesa”. Silvio Berlusconi, dai microfoni del Tg4, si e’ intanto detto disponibile a un incontro con Pier Luigi Bersani, segretario del Pd: ”La mia posizione, ormai la conoscono tutti. Bisogna dare subito un governo stabile e forte al Paese per prendere quei provvedimenti che sono non solo urgenti ma urgentissimi e che si impongono per rilanciare l’economia”. La data dell’incontro, che avverra’ in una sede istituzionale, non e’ stata ancora fissata. Quanto ai precedenti di iniziative dimostrative o ostruzionistiche alla Camera e al Senato, gli atti parlamentari ricordano l’ostruzionismo dei 5 deputati del Manifesto (Aldo Natoli, Luigi Pintor, Massimo Caprara, Liberato Bronzuto ed Eliseo Milani) nel 1972 contro un ”decretone” economico. C’e’ stato anche il precedente dell’ostruzionismo, nei primi anni Settanta, del Gruppo della Dc contro la legge sul divorzio. Altro ostruzionismo venne attuato dal Pci nel 1988 contro il decreto sulla responsabilita’ civile dei magistrati. I record degli interventi piu’ lunghi appartengono agli ex deputati radicali Massimo Teodori e Marco Boato che nel 1981 intervennero per 18 ore di seguito. Tra gli oratori capaci di condurre ostruzionismo per ore e ore, vanno ricordati il comunista Giancarlo Pajetta e il missino Giorgio Almirante. L’ultimo episodio di ostruzionismo risale al 15 dicembre 2011, a poche settimane dalla caduta del governo Berlusconi. Montecitorio, in quei giorni, discuteva delle misure economiche proposte dal governo Monti. La Lega Nord ottenne la seduta notturna che duro’ fino alle 5 del mattino. gar/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su