Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • P.A.: Vendola, testo lacunoso, condivido preoccupazioni delle imprese

colonna Sinistra
Martedì 9 aprile 2013 - 14:48

P.A.: Vendola, testo lacunoso, condivido preoccupazioni delle imprese

(ASCA) – Roma, 9 apr – ”Concordo con tutti quei dubbi equelle critiche che in queste ore stanno avanzando leassociazioni imprenditoriali in merito ai contenuti deldecreto del Governo per lo sblocco dei pagamenti. Non c’e’piu’ tempo da perdere, le imprese stanno morendo e le Regioninon possono restare a guardare”. Lo afferma il Presidentedella Regione Puglia Nichi Vendola commentando ilprovvedimento del governo per lo sblocco dei pagamenti daparte della Pubblica amministrazione.

Entrando nello specifico del provvedimento, Vendola haespresso le ”sue molte riserve su questo testo che nonservira’ ne’ alle imprese ne’ alle Regioni”.

”Intervenga il Parlamento – ha aggiunto Vendola – permodificare un decreto lacunoso che, per molta parte, noncorriponde affatto alle urgenze drammatiche che esprimono orai territori e gli enti locali. Un testo che non intervieneladdove invece avrebbe dovuto intervenire, e cioe’ sul Pattodi stabilita’, i cui vincoli sono un cappio al collo dellepubbliche amministrazioni che hanno risorse chiuse incassaforte per aprire i cantieri e che invece non possonoutilizzare”.

Per Vendola ”il decreto, cosi’ come e’ stato licenziatodal Consiglio dei Ministri, non servira’ neanche alla Puglia,che pure ha accumulato una ricca dotazione di cassa, avendouna gestione di bilancio virtuosa”.

”Non ne trarranno nessun beneficio – ha sottolineatoVendola – neanche le imprese pugliesi che risulterebberopenalizzate proprio dalla virtuosita’ della Regione Puglia.

Un paradosso intollerabile e ridicolo. Occorre pero’ esserechiari e sgomberare il campo dagli equivoci. La Puglia, cosi’come le altre regioni, ha bisogno di un allentamento delPatto di stabilita’, ha bisogno di poter spendere le risorseche ha in cassaforte”.

”E’ opportuno dunque, anche su questo decreto,intervenire in Parlamento – ha concluso Vendola – e noistiamo lavorando proprio su alcuni specifici emendamenti chespero siano condivisi dalla totalita’ dei parlamentaripugliesi. L’auspicio e’ che la discussione in Aula, su untema cosi’ delicato e complicato e in un contesto diconfusione per la mancata costituzione delle commissioniparlamentari, possa svolgersi invece senza approssimazione esuperficialita’. L’Italia avrebbe bisogno una volta per tuttedi legiferare in modo chiaro e netto, affrontando un problemache, nel corso del tempo, si e’ stratificato attraversodiversi provvedimenti legislativi”. com-ceg/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su