Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Lunedì 8 aprile 2013 - 09:31

Pd: Pittella si candida alla segreteria

+++ Attesa per l’incontro Bersani-Berlusconi in settimana+++.

(ASCA) – Roma, 8 apr – In attesa dell’incontro tra Pier LuigiBersani e Silvio Berlusconi con all’ordine del giorno ilproblema dell’elezione del nuovo presidente della Repubblica(le Camere sono convocate giovedi’ 18 aprile), continua ildibattito nel Pd. ”In questo momento la mia decisione e’quella di mettere a disposizione del mio partito e del Paesel’esperienza e la competenza che ho maturato in questi annidi impegno in Europa e sul territorio”, dichiara GianniPittella in una intervista che appare oggi su ”l’Unita”’.

L’eurodeputato del Pd e vicepresidente del Parlamento europeoannuncia cosi’ la sua candidatura alla segreteria inprevisione dell’ apertura della fase congressuale: ”Se nonteniamo il partito unito su posizioni di saggezza edequilibrio, in cui si possano riconoscere le culturelaico-socialista e cattolica, finira’ con un pezzo del Pd chesi arrocca su posizioni di sinistra e un altro pezzo chelavora a una strana alleanza con i moderati senzaBerlusconi.

Sarebbe la fine”.

Pittella, che auspica un ingresso di Sel nel Pd, avanza lasua ipotesi: ”Un partito che dia piena cittadinanza ailaici, ai cattolici e ai socialisti, strettamente collegatocon la famiglia dei socialisti europei, che abbia azione,coraggio e passione. Noi dobbiamo tornare a stare tra lagente, bisogna finirla con la cooptazione e le leggielettorali che tolgono ogni potere ai cittadini”.

Anche Fabrizio Barca, ministro della Coesione sociale,partecipando ieri alla trasmissione ”In mezz’ora” suRaitre, si dice interessato al destino del Pd pur non avendola tessera democratica in tasca: ”Penso che questo sia ilmomento in cui il Pd, la sinistra, Sel hanno bisogno di faresquadra. Non ambisco a fare il segretario del Pd. La prossimasettimana provero’ a suggerire, con la pubblicazione di unamemoria, l’importanza di un partito di mobilitazionecognitiva”. Barca spiega cosa vuole dire: ”Un partito e’una mobilitazione di persone e coscienze. Io ho voglia diincontrarmi in luogo territoriale con le persone e discuteremettendo in comune idee su come risolvere i problemi”. Ilministro, al di la’ delle dichiarazioni ufficiali, potrebbeessere sospinto a puntare direttamente alla segreteria del Pdnel congresso che si terra’ in autunno da quanti pensano auna possibile coabitazioni tra lui alla guida del partito eMatteo Renzi candidato alla guida del governo.

Berlusconi, in preparazione dell’incontro con Bersani, haintanto pubblicato sul suo sito otto proposte che ”avrannoun immediato impatto positivo sull’economia reale e sullasocieta’, soprattutto per quanto riguarda la creazione dinuovi posti di lavoro”.

Fra queste, ”l’abrogazione dell’Imu sulla prima casa, suiterreni e sui fabbricati funzionali alle attivita’ agricole ela restituzione degli importi versati nel 2012, l’abolizionedei contributi pubblici per le spese sostenute dai partiti edai movimenti politici, riforma del sistema fiscale. Concludel’ex premier: ”Sabato 13 aprile a Bari – dove il Pdl terra’una manifestazione – illustreremo il contenuto di questi ottodisegni di legge, gia’ pronti per essere presentati al Senatodella Repubblica”.

Oggi nuova riunione dei parlamentari del M5S che devonodecidere alcune iniziative per ottenere dai presidenti dellaCamera e del Senato la convocazione delle commissionipermanenti senza attendere la formazione del nuovo governo.

”Bloccano il Paese mentre si spartiscono le poltrone. IlParlamento puo’ iniziare a lavorare”, insiste RobertaLombardi, capogruppo alla Camera. La giornata clou perverificare le intenzioni del M5S e’ domani, quando aMontecitorio c’e’ seduta per votare l’ampliamento dei poteridella commissione Speciale per consentire l’esame del decretolegge sulla Pubblica amministrazione. I deputati grillinipotrebbero decidere di rimanere simbolicamente in Aula, senon dovesse essere annunciata la costituzione dellecommissioni permanenti.

Ieri a Pontida conferma delle tensioni al tradizionaleappuntamento della Lega Nord tenutosi in un clima minore:alcuni militanti avevano esposto uno striscione cheraffigurava il segretario Roberto Maroni nelle sembianze diPinocchio. ”Ogni anno la base dovra’ dare un giudizio suisuoi eletti, perche’ non possiamo dipendere solo dalConsiglio federale.

Non ho fatto la Lega per romperla, la miglioreremo”, haproclamato Umberto Bossi dal palco dove poi ha abbracciato ilsegretario Roberto Maroni per smentire le voci sullabelligeranza tra loro. Quest’ultimo ha chiuso lamanifestazione: ”Siamo qui in tanti, abbiamo smentito i gufiche volevano la Lega Nord finita e divisa. Siamo qui pertestimoniare la nostra unita’, il nostro grande progetto dimacroregione e per realizzare il nostro grande sogno: laPadania”.

gar/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su