Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • P.A.: Saitta, il decreto sia coerente con risoluzione parlamentare

colonna Sinistra
Mercoledì 3 aprile 2013 - 12:45

P.A.: Saitta, il decreto sia coerente con risoluzione parlamentare

(ASCA) – Roma, 3 apr – ”Il Decreto Legge sui pagamenti degliEnti locali alle imprese deve essere coerente con larisoluzione parlamentare approvata ieri all’unanimita’ e deveconsentire di liberare realmente e in tempi rapidi tutti ipagamenti in conto capitale degli enti locali, quelli dovutialle imprese per investimenti in opere e infrastrutture” . Lo dichiara il Presidente dell’Upi, Antonio Saitta, in vistadel Consiglio dei Ministri di questa sera in cui si prevedel’approvazione del decreto sui debiti della pubblicaamministrazione.

”La votazione all’unanimita’ della risoluzione parlamentaredi ieri – sottolinea Saitta -dimostra che su questo tema esulla necessita’ di modificare le regole del patto distabilita’, che hanno mortificato la capacita’ di promuovereinvestimenti da parte di Province e Comuni, ormai c’e’ pienaconvergenza di tutte le forze politiche. Per questo chiediamoal Governo di cogliere questa opportunita’ e fare di questodecreto lo strumento per rilanciare l’economia del Paese, afronte di un crollo degli investimenti locali che per le soleProvince, in 5 anni, e’ stato di oltre il 44%. Il decreto poi – aggiunge il Presidente dell’Upi – deveessere l’occasione per ridurre i tagli imposti agli entilocali, che stanno mandando in crisi le amministrazioni. Conun taglio di 1,2 miliardi ai bilanci delle Province per il2013 non riusciamo a garantire nemmeno il mantenimento deiservizi essenziali. Abbiamo bisogno di risorse perintervenire nella manutenzione delle strade, e i dannicausati dal maltempo di questi giorni, con frane esmottamenti ovunque, dimostrano ancora una volta di quantiinterventi ha bisogno il nostro sistema viario. E abbiamobisogno delle risorse necessarie per continuare a garantirescuole aperte, calde e sicure. Se non si utilizza questodecreto per risolvere queste emergenze, che ormai sono chiarea tutti, non faremo che produrre l’ennesimo provvedimentotampone, mentre il Paese, le istituzioni locali, le imprese ei cittadini, aspettano interventi che siano in grado davverodi fare ripartire e subito l’economia”. com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su