Header Top
Logo
Venerdì 21 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lega Nord: Zaia, nessuna scissione, moriro’ leghista

colonna Sinistra
Venerdì 8 marzo 2013 - 14:01

Lega Nord: Zaia, nessuna scissione, moriro’ leghista

(ASCA) – Treviso, 8 mar – Nessuna scissione nella LigaVeneta, coloro che lo sostengono ”sono cialtroni”, ed ”iosono leghista e moriro’ leghista”. Cosi’ Luca Zaia,governatore del Veneto, sulle polemiche relative alla letteradi Flavio Tosi, segretario nazionale, ai dirigenti delmovimento perche’ sia piu’ prudenti nelle esternazioni. ”Iovi diffido – ha detto Zaia ai giornalisti – ad ascoltare queicialtroni che chiamano nelle redazioni dei giornali, dicendoche stiamo facendo un nuovo partito. A me basterebbe avere ilnome di uno perche’ la richiesta di espulsione la faccio io.

Qui, infatti – ha detto Zaia – non stiamo facendo unpartito.

Il problema e’ che danno fastidio le persone che ragionano.

Se qualcuno pensa che bisogna avere partiti fatti da genteche ha solo da mandare il cervello all’ammasso, si sbaglio.

Io nasco leghista e muoio leghista”. Alla domanda se le lettere di Tosi provocheranno unascissione, Zaia ha risposto: ”si tratta solo di trovare unmodus operandi e la modalita’ non e’ quella dei richiami, dipensare che tutti debbano stare zitti, penso che un confrontoci debba essere perche’ questo non e’ un partito che fa leriunioni in una cabina telefonica. Abbiamo migliaia dimilitanti che hanno il diritto di sapere le posizioni ditutti e molto spesso quando facciamo le riunioni a portechiuse le posizioni ce le diciamo solo tra di noi, imilitanti sono disorientati”. Zaia ha poi ricordato che ”ilnostro segretario non ha mai mancato di dire le proprieposizioni in merito a tutto, anche su fatti recenti, quindipenso che abbia fatto bene a dirlo, come tutti quelli hannoqualcosa da dire in maniera costruttiva”. Dopo aversottolineato che il confronto ci vuole, Zaia ha detto diritenere che Tosi rappresenti ”la bandiera del confronto,perche’ ha sempre potuto dire quello che pensava. E’ giustoche lo possano dire tutti nel rispetto delle regole e dellepersone, senza offendere nessuno. Se uno ha qualcosa da direnon capisco perche’ debba essere censurato”.

fdm/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su