Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • 8 marzo: Polverini, giornata sia monito per arrivare a reale parita’

colonna Sinistra
Venerdì 8 marzo 2013 - 12:58

8 marzo: Polverini, giornata sia monito per arrivare a reale parita’

(ASCA) – Roma, 8 mar – ”L’8 marzo e’ una data simbolo pertutte le donne che evoca importanti conquiste di diritti incampo sociale, politico, economico. L’attenzione alla donnadeve significare in primo luogo proseguire con forza labattaglia contro il femminicidio e contro tutte quelle formedi violenza, psicologica o fisica, di cui tante donne sonovittime anche in Italia. Il nostro pensiero oggi va alle dueimpiegate della Regione Umbria e a tutte le donne che hannosubi’to o subiscono violenza”. Lo dichiara Renata Polveriniche questa mattina ha partecipato al convegno ”No allaviolenza sulle donne” organizzato dall’Ugl. ”Ma questa Giornata internazionale della Donna – aggiunge- deve essere ancora di piu’ monito, costante, per completareun percorso di reale parita’ tra uomini e donne in unasocieta’ in cui per una donna ancora non e’ facile coniugarele sue molteplici funzioni dentro e fuori la famiglia. Ilprimo segnale deve arrivare proprio dalle donne, a cominciareda quelle che in Parlamento potranno dare un contributoimportante per garantire alle donne concrete opportunita’ diconciliazione dei doveri familiari con le legittimeaspirazioni personali, siano esse nel campo del lavoro onell’impegno sociale o politico”. ”Il Pdl – prosegue Polverini – nel proprio programmaprevede azioni volte a sostenere la famiglia, come ad esempiola proposta del quoziente familiare, perche’ se si vuoleoffrire un aiuto concreto alle donne si deve partire propriodalla famiglia, all’interno della quale continuano ad essereil soggetto chiamato ad occuparsi della cura dei figli odegli anziani. Un retaggio culturale che resiste nel nostroPaese e su cui si dovrebbe riflettere perche’ ancora troppedonne di fronte alla nascita di un figlio, se non addiritturaal matrimonio, rinunciano ad una occupazione a causa delledifficolta’ che persistono sia nella fase di ingresso chenella permanenza nel mondo del lavoro”. com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su