Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • 8 Marzo: Coldiretti, si festeggia con +47% donne in Parlamento

colonna Sinistra
Giovedì 7 marzo 2013 - 10:03

8 Marzo: Coldiretti, si festeggia con +47% donne in Parlamento

(ASCA) – Roma, 7 mar – La giornata della donna in Italia sifesteggia quest’anno con un aumento del 47 per cento dellapresenza femminile in Parlamento, dove quasi un neo eletto sutre e’ donna (31 per cento). E’ quanto emerge da una analisidella Coldiretti, in occasione dell’8 marzo, dalla quale sievidenzia che nella legislatura che si e’ conclusa le donneerano pari ad appena il 21 per cento alla Camera e il 19 percento al Senato mentre nel nuovo Parlamento saranno il 32 percento alla Camera e il 30 per cento al Senato.

Si tratta di un profondo cambiamento che – sottolinea laColdiretti – avvicina l’Italia ai migliori standard europei emondiali con una presenza ”rosa” superiore a quella dellostesso Parlamento Europeo (25 per cento) ma anche allaFrancia, anch’essa ferma al 25 per cento, alla Gran Bretagnacon il 22 per cento, e agli Stati Uniti (18 per cento).

Valori superiori – precisa la Coldiretti – si registrano solotra le elette alla Camera in Spagna dove sono il 38 per centoed in Germania, con addirittura il 32 per cento. Tra ipartiti maggiori – continua la Coldiretti – il piu’ altonumero di donne arrivate in Parlamento si trova nelle listedel Pd, con il 41 per cento, che precede Movimento CinqueStelle al 38 per cento, Pdl e Lista Monti-Udc-Fli entrambi al22 per cento, Sel al 20 per cento e Lega Nord al 14 percento.

La presenza delle donne e’ rilevante nel mondo economico dovenonostante la crisi nel 2012 sono nate ben 103.391 impreserosa che hanno fatto salire il loro numero complessivo inItalia a 1.424.743 nei diversi settori produttivi, secondouna analisi della Coldiretti dalla quale si evidenzia chequasi una impresa su quattro e’ condotta da donne (23,5 percento). La maggioranza delle imprese femminili – stima laColdiretti – opera nel commercio (circa il 30 per cento), mauna forte presenza si registra con oltre il 16 per cento inagricoltura, nei servizi di alloggio e ristorazione (quasi il10 per cento e nel manifatturiero (8 per cento) Se le ultimeelezioni hanno reso il Parlamento un po’ piu’ ”rosa”, lapresenza delle donne – sottolinea Coldiretti – resta comunquebassa a livello istituzionale. Secondo un’analisi Coldirettisu dati Barometro, ai vertici della giustizia italiana larappresentanza femminile e’ ancora scarsa: appena il 14 percento tra Corte Costituzionale, procuratori della Corte deiConti, membri del Consiglio Superiore della Magistratura(Csm) e Consiglio direttivo della Corte di Cassazione. Bassa – continua Coldiretti – anche la presenza di donnenelle Authority dove nessuno dei presidenti appartiene al”gentil sesso”. Ma anche il mondo dell’istruzione e dellaricerca non sembra essersi ancora aperto alla presenzafemminile, almeno ai suoi vertici. Su 79 rettori diUniversita’ le donne sono appena il 5 per cento del totale.

Persino lo sport dove le atlete azzurre hanno regalato grandisoddisfazioni resta ancora impermeabile alle quote rosa,tanto che – conclude Coldiretti – tra i 45 presidenti delleFederazioni sportive affiliate al Coni c’e’ solo una donna.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su