Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Idv: Costantini, ecco ricetta per rimettere a nuovo il mezzo e ripartire

colonna Sinistra
Lunedì 4 marzo 2013 - 15:14

Idv: Costantini, ecco ricetta per rimettere a nuovo il mezzo e ripartire

(ASCA) – L’Aquila, 4 mar – Per Carlo Costantini ”il quadropolitico nazionale, carico di incertezze, ed il senso didisorientamento che quotidianamente amministratori, iscrittio anche semplici simpatizzanti di IdV ci rappresentano, nonconsentono piu’ rinvii”. Il capogruppo IdV in Consiglioregionale d’Abruzzo, candidato alla Camera dei deputati conla lista Ingroia ritiene che ”i riti che solitamenteprecedono i congressi non sono compatibili con ladrammaticita’ del momento; se dovessimo attendere mesi, primadi tenere un nuovo congresso, non ci ritroveremmo nessuno diquelli che, sul territorio, hanno fatto in questi anni ladifferenza”. ”Molti, e’ vero, sono gia’ andati via -riconosce – Ma tanti altri ci stanno osservando, proprio inquesto momento, per decidere se l’IdV (o quello che sara’dopo il Congresso) ha ancora qualcosa da dire e, soprattutto,da fare per il bene dell’Italia”. ”E se per un verso nonc’e’ piu’ tempo di attendere, per altro verso non c’e’neppure piu’ nulla da salvare ‘a prescindere’ – aggiungeCostantini – Dunque, navigazione in mare aperto per tutti;una testa un voto anche per noi! Sapendo che le opzionipolitiche in campo difficilmente potranno essere piu’ di tre:1) andare avanti con il progetto di Rivoluzione civile; 2)investire sul recupero di un rapporto con il blocco di potereche fa capo al Pd; 3) sfidare Grillo direttamente sul suoterreno”. Si dice convinto, l’esponente IdV che ”trenta oquaranta giorni per organizzare un congresso per partiresubito ed arrivare almeno alle Europee del 2014 bastano edavanzano”, come ”bastano ed avanzano venti o trenta giorniper proporre le candidature alla carica di Presidente,presentate ad esempio da 500/1.000 iscritti e corredate diprogramma, nuovo statuto, persino nuovo simbolo e nuovo nome,se ritenuto opportuno dal candidato, e poi nuove regole diorganizzazione e funzionamento, nuove regole dipartecipazione e di formazione delle decisioni etc”.

Costantini suggerisce altresi’ ”diritto di voto a tutti gliiscritti alla data del 31.12.2012 e che, rimasti nel partitoe presenti al Congresso, verseranno un contributo simbolicodi 2 euro, con deroga e riconoscimento del diritto dielettorato passivo ed attivo per tutti i candidati alleultime elezioni politiche in Rivoluzione civile, anche se noniscritti prima ad IdV (Favia, ad esempio, ma anche altri)”.

E poi: ”Nessun tavolo della presidenza e nessun potenzialecondizionamento della platea congressuale, con la conduzionedei lavori affidata alle ragazze ed ai ragazzi di IdV e conl’elenco degli iscritti a disposizione di chiunque vogliacandidarsi”. ”E da oggi bocce ferme per tutti – e’ il suoinvito – che vuol dire nessuna particolare nuova spesa, maanche nessuno particolare stravolgimento dell’organizzazione.

Tocchera’ al nuovo Presidente deciderlo.

Decidendolo noi dell’Ufficio di Presidenza oggi eserciteremmouna autorita’ che non ci deriva piu’ da nessuno”. ”Meno didue mesi per rimettere in ordine il mezzo – concludeCostantini – per poi salirci sopra e ripartire il piu’ velocepossibile alla conquista del nostro nuovo futuro”. iso

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su