Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Privacy: Garante, no a sindacati dati nominativi lavoro straordinario

colonna Sinistra
Venerdì 1 marzo 2013 - 13:10

Privacy: Garante, no a sindacati dati nominativi lavoro straordinario

(ASCA) – Roma, 1 mar – Le pubbliche amministrazioni, inassenza di disposizioni normative o di specifiche clausolecontenute in contratti collettivi, non possono comunicare leore di straordinario svolte da un dipendente indicando ancheil nome e il cognome dello stesso. Le comunicazioni vannofatte in forma anonima o aggregata. A darne notizia e’ lanewsletter del Garante per la protezione dei dati personaliche ha imposto al dipartimento dell’amministrazionepenitenziaria del ministero della Giustizia di interromperela trasmissione alle organizzazioni sindacali dei datirelativi alle ore di straordinario effettuate da uncommissario di polizia penitenziaria. L’interessato, non iscritto ad alcun sindacato, avevalamentato la comunicazione in forma nominativa, alleorganizzazioni sindacali del comparto sicurezza, delprospetto concernente le prestazioni di lavoro straordinarioda lui effettuate e le relative competenze. Ritenendo violatele norme sulla privacy, aveva chiesto che il dipartimentocessasse tale trattamento illecito dei dati.

Non avendo ottenuto riscontro, si era e’ rivolto dunqueall’Autorita’ chiedendo che i suoi dati personali nonvenissero ne’ trasmessi alle OO.SS., ne’ affissi e quindidiffusi in locali comuni.

L’istruttoria condotta dal Garante ha messo in luce comenel caso in questione non esistono ne’ disposizioni normativene’ disposizioni contenute in accordi sindacali di settoreche legittimino la trasmissione in forma nominativa diinformazioni relative alle ore di straordinario svolto daidipendenti dell’amministrazione penitenziaria: l’accordonazionale quadro per il personale del corpo di poliziapenitenziaria, risalente al 2004, prevede infatti solo lacomunicazione in forma anonima dei prospetti delleprestazioni di lavoro straordinario.

Nella sua decisione l’Autorita’ ha richiamato inoltrequanto previsto dalle linee guida del Garante del 14 giugno2007 (doc. web n. 1417809), sul trattamento dei datipersonali nel rapporto di lavoro pubblico, le qualistabiliscono che l’amministrazione pubblica puo’ fornire alleorganizzazioni sindacali dati numerici e aggregati e nonanche quelli riferibili ad uno o piu’ lavoratoriindividuabili.

Nell’accogliere dunque il ricorso dell’interessato eritendendo pertanto illecito il trattamento effettuatodall’amministrazione penitenziaria, l’Autorita’ ha dispostoil blocco dell’ulteriore comunicazione dei dati deldipendente addebitando le spese del ricorso al ministero.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su