Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lombardia: Acli, Maroni non forzi assetto istituzionale italiano

colonna Sinistra
Mercoledì 27 febbraio 2013 - 15:55

Lombardia: Acli, Maroni non forzi assetto istituzionale italiano

(ASCA) – Milano, 27 feb – ”L’affermazione di Roberto Maronie’ quella del capo di un partito che vede i suoi consensi,gia’ radicati solo in una parte del Paese, diminuire di oltreun terzo pur conquistando la guida della Lombardia che siunisce a quelle, gia’ detenute, del Veneto e del Piemonte. Ilnostro auspicio, come forza della societa’ civile, e’ chetale affermazione non sia il segnale di una volonta’ diforzatura dell’assetto istituzionale italiano e nemmenoquella della conservazione di un sistema di potere regionaleche ha suscitato le attenzioni della magistratura, ma possasegnare il quadro di un’aumentata capacita’ di interlocuzionecon le forze sociali e con gli Enti locali”. A chiederlo e’il presidente delle Acli milanesi, Paolo Petracca, checommenta cosi’ l’esito delle elezioni regionali in Lombardia:”Certamente la vittoria di Maroni e del centrodestra, cheperaltro non rappresentano la maggioranza assoluta deicittadini, si colloca ben al di sotto dei precedentirisultati di quella parte politica in Lombardia, e di cio’ vadato atto ad Umberto Ambrosoli e alle forze che losostengono, ed in particolare il Pd, ora primo partito inLombardia, come pure al Movimento 5 stelle, autentica novita’di questa stagione politica. Alle forze di opposizione spettaora il compito di innervare il dibattito politico in questaRegione e di svolgere un efficace ruolo di controllo e distimolo rispetto alla maggioranza”.

com-fcz/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su