Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: Ingroia senza quorum.Sinistra radicale ancora fuori Parlamento

colonna Sinistra
Lunedì 25 febbraio 2013 - 19:45

Elezioni: Ingroia senza quorum.Sinistra radicale ancora fuori Parlamento

(ASCA) – Roma, 25 feb – Delusione cocente tra i sostenitoridella lista Rivoluzione civile capeggiata da AntonioIngroia.

Quando ancora i dati non sono ufficiali, il risultato almomento conseguito nello spoglio del Senato, 1,8%, a un certopunto e’ scomparso dai teleschermi delle varie tv, perche’non raggiungeva il 2%. Alla Camera, invece, i dati oscillanoal momento tra il 2,8 e il 3%. Lontanissmo, in ogni caso, ilquorum previsto per il Senato (8%), ma anche quello per laCamera: 4%. E’ un fallimento politico che ricorda immediatatamentequello della sinistra radicale nelle elezioni del 2008,quando Fausto Bertinotti guido’ la lista Sinistra Arcobaleno(Rifondazione comunista, Comunisti italiani, Verdi, ex Ds)che ottenne una media striminzita del 3,1% tra il voto per ilSenato e quello per la Camera: di conseguenza, nessun eletto,con le successive scissioni di Rifondazione comunista e deiVerdi, che diedero vita a Sel di Nichi Vendola.

Questa volta a capeggiare la lista era stato chiamatoIngroia al posto di Bertinotti. L’ex sostituto procuratore diPalermo ha lasciato il suo incarico per le Nazioni Unite inGuatemala e ha chiesto ai partiti disponibili a formareun’unica lista – Rifondazione, Pdci, Verdi e questa voltal’Idv di Antonio Di Pietro – di fare un passo indietro ”perlasciare spazio a soggetti provenienti dalla societa’civile”. I leader dei partiti erano tutti candidati ma nonhanno fatto iniziative insieme a Ingroia. Eccetto qualchefotografia che ritrae Ingroia con Di Pietro, la scelta diRivoluzione civile e’ stata quella di far dimenticare aglielettori quali erano le forze che sostenevano la lista,puntando tutto su un elettorato che poteva essere attrattodal magistrato. Anche la polemica tra Ingroia e Bersani sultema di una possibile desistenza di Rivoluzione civile alSenato, vista l’improbabilita’ di ottenere il quorum dell’8%,non deve aver aiutato la lista di Ingroia.

Dopo questo insuccesso, potrebbero esserci anchestrascichi non solo politici tra le forze che hanno sostenutoRivoluzione civile. Il capitale monetario messo adisposizione della campagna elettorale e’ stato quellodell’Idv, perche’ Verdi, Pdci e Rifondazione comunistaavevano le casse vuote, non essendo presenti in Parlamentodal 2006. Ora anche Di Pietro e’ fuori dal Parlamento. Lespese effettuate per la campagna elettorale potrebbero esserepagate solo con i rimborsi previsti dalla legge sulfinanziamento pubblico ai partiti.

gar/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su