Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Fnsi: inaccettabile epurazione giornalista Schiavazzi all’Idi-Elea

colonna Sinistra
Sabato 23 febbraio 2013 - 12:49

Fnsi: inaccettabile epurazione giornalista Schiavazzi all’Idi-Elea

(ASCA) – Roma, 23 feb – ”Dopo avere cercato di licenziarequattrocento lavoratori dei suoi ospedali, la Congregazionedei Figli dell’Immacolata Concezione, da tempo al centro diinchieste canoniche e giudiziarie, ha epurato un notogiornalista, come ultimo atto di ritorsione prima di venirecommissariata dalle autorita’ ecclesiastiche”.

Lo afferma un comunicato della Federazione Nazionale dellaStampa Italiana (Fnsi) e l’Associazione Stampa Romana (Asr)che ”non possono tacere davanti al gesto gravissimodell’ente religioso, proprietario dell’IDI e di Elea, neiconfronti del collega Piero Schiavazzi, che in questi mesi hadato voce alla coscienza etica con rigore da tuttiriconosciuto. Un rigore testimoniato nei fatti: rifiutando uncompenso elevato, rendendolo pubblico e invitando gli’stipendi d’oro’ del Gruppo fare altrettanto, in nome dellasolidarieta’ tra lavoratori. Come ultimo atto della suagestione, prima dell’arrivo del Commissario Pontificio, laCongregazione ha spedito la lettera di licenziamento alvaticanista, che attraverso gli eventi da lui diretti hafatto di Elea un foro di fama internazionale, con lapartecipazione ai piu’ alti livelli di personalita’ dellaChiesa e delle Istituzioni”. ”Nonostante i successi professionali, a Schiavazzi-prosegue il comunicato- non vengono perdonati la suaintransigenza verso gli amministratori di Elea, vecchi enuovi, coinvolti in vicende giudiziarie, il suo diniego allarichiesta di inserirli come relatori in convegni sull’eticafinanziaria e ai tentativi di associare eventi culturali eattivita’ immobiliari. Ma soprattutto ha pesato la suaopposizione ai progetti di massicci licenziamenti coltivatidalla Congregazione, in contrasto con la Dottrina Socialedella Chiesa. Per questo la Congregazione e i suoiconsulenti, pochi giorni prima dell’arrivo del CommissarioPontificio, hanno voluto liberarsi di una presenza autorevolema scomoda. La Federazione Nazionale della Stampa el’Associazione Stampa Romana, dopo avere cercato invano ilconfronto con la proprieta’, denunciano il disprezzo deiprincipi sindacali ed esprimono solidarieta’ a tutti ilavoratori del Gruppo. Non permetteremo che la rettitudine diun collega diventi motivo di esclusione, nei confronti suoi edel sindacato dei giornalisti, e ci rivolgiamo fiduciosiquale unico interlocutore al Delegato Pontificio, cui e’stato affidato il governo della Congregazione e delle suestrutture”.

com-min

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su