Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: ”Tutti a casa” lo slogan di Grillo. Ecco le proposte M5S

colonna Sinistra
Sabato 23 febbraio 2013 - 16:25

Elezioni: ”Tutti a casa” lo slogan di Grillo. Ecco le proposte M5S

(ASCA) – Roma, 23 feb – ”Ora basta, tutti a casa”. Prima ditutto sono queste le parole d’ordine del Movimento 5 Stelle,per la prima volta candidato in Parlamento con il chiaroobiettivo di mandare via i partiti che ”sono i primiresponsabili della crisi, che hanno occupato lo Stato, lohanno svenduto e spolpato”, come ha ripetuto piu’ volte illeader Beppe Grillo durante questa campagna elettorale.

Nessun candidato ha gia’ avuto incarichi politici, tuttiprovengono dalla societa’ civile e sono stati collocati nelleliste con il metodo delle primarie su internet. Secondo icalcoli di M5S, il 55% degli eletti nelle loro liste sarannodonne.

Una volta eletti i parlamentari grillini si impegneranno arealizzare i venti punti del loro programma ”per uscire dalbuio” messi per iscritto in una lettera agli italiani.

Al primo punto c’e’ il reddito di cittadinanza, seguitodalle misure per il rilancio della piccola e media impresa eda una nuova legge anticorruzione. ”L’Italia – si legge nella lettera – deve diventare unacomunita’, nessuno deve essere lasciato indietro. Il nostroPaese ha le tasse tra le piu’ alte del mondo, uno deimaggiori debiti pubblici, un tasso di disoccupazione,soprattutto giovanile, che ha fatto emigrare in pochi anni unmilione e mezzo di ragazzi italiani, diplomati, laureati conil sacrificio dei loro genitori. E’ ora di dire basta”.

Nel programma c’e’ anche una parte dedicata alla politicain nome dello spirito anticasta che contraddistingue ilMovimento, con l’abolizione dei contributi pubblici aipartiti e l’istituzione di un ‘politometro’ per verificarearricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni. IlMovimento 5 Stelle si impegna anche per una riforma dellelegge elettorale che introduca l’elezione diretta deiparlamentari alla Camera e al Senato con un massimo di duemandati elettivi.

Il movimento di Grillo intende introdurre pure l’obbligodi discussione di ogni legge di iniziativa popolare inParlamento con voto palese. Tra i punti del programma anchequello di ridurre la tv pubblica a una sola rete, senzapubblicita’ e indipendente dai partiti. Poi una legge sulconflitto di interessi, l’informatizzazione e semplificazionedello Stato, l’istituzione del referendum propositivo e senzaquorum. Grillo intende anche indire un referendum sullapermanenza nell’euro, ripristinare i fondi tagliati allaSanita’ e alla Scuola pubblica e abolizione i finanziamentidiretti e indiretti ai giornali. Agli ultimi punti delprogramma troviamo l’accesso gratuito alla Rete percittadinanza, l’abolizione dell’Imu sulla prima casa, la nonpignorabilita’ della prima casa, l’eliminazione delleProvince e la chiusura di Equitalia.

ceg/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su