Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: da restituzione Imu a Ponte Stretto, le promesse di Berlusconi

colonna Sinistra
Sabato 23 febbraio 2013 - 16:25

Elezioni: da restituzione Imu a Ponte Stretto, le promesse di Berlusconi

(ASCA) – Roma, 23 feb – Nel 2008 era l’abolizione dell’Ici ilcavallo di battaglia di Silvio Berlusconi. A distanza dicinque anni, in questa campagna elettorale, ”il conigliotirato fuori dal cilindro” dell’ex premier e’ larestituzione agli italiani dei soldi pagati nel 2012 per latassa sulla prima casa, adesso chiamata Imu, reintrodotta dalgoverno dei tecnici. Attorno a questo punto, e a quello di un’Fisco amico del contribuente’ ruota la campagna elettoraledel centrodestra, che non ha indicato finora il propriocandidato premier.

Secondo la promessa del leader Pdl, l’Imu sara’ quindirestituita, entro maggio, grazie ai fondi della Cassadepositi e prestiti e grazie ai soldi che lo Statorecuperera’ da un accordo con la Svizzera per tassare leattivita’ finanziarie italiane detenute oltralpe.

I primi tre provvedimenti che un governo di centrodestraapproverebbe subito in caso di vittoria sarebbero miratiall’abolizione immediata dell’Imu sulla prima casa e allarestituzione di quella pagata nel 2012, all’eliminazione delfinanziamento pubblico ai partiti e a decontribuzione edetassazione a favore delle piccole aziende che assumono atempo indeterminato un giovane o un disoccupato.

Il programma elettorale, contenuto in un opuscolo di 25pagine, e’ suddiviso in 22 capitoli, dal fisco allagiustizia, passando per l’agricoltura, l’energia, la pubblicaamministrazione, l’agenda digitale e la green economy.

Il primo capitolo e’ dedicato alle ”istituzioni adeguatee moderne” e dunque la coalizione di centrodestra siimpegnerebbe a far approvare una riforma per l’elezionediretta e popolare del presidente della Repubblica, per ilrafforzamento dei poteri del governo, per una riforma delbicameralismo con l’approvazione del Senato federale el’abolizione delle province. Un capitolo e’ dedicatoall’Europa. Il Pdl chiede, tra le altre cose, ”ilsuperamento di una politica europea di sola austerita’,l’attribuzione alla Bce del ruolo di prestatore di ultimaistanza, sul modello della Federal reserve americana e lacostituzione di una agenzia di rating europea”.

Non puo’ mancare, tra gli obiettivi del centrodestra, unpunto tanto caro alla Lega Nord, cioe’ l’istituzione entro lafine della legislatura di macroregioni con l’attribuzione el’utilizzo in ambito regionale di risorse in misura noninferiore al 75% del gettito tributario complessivo prodottonel singolo territorio. A favore delle famiglie il programmaprovede un ”bonus bebe”’ e un buono per scuola euniversita’ al fine di permettere alle famiglie di farstudiare i propri figli anche in istituti privati.

Per il Pdl ”abbassare le tasse e’ fondamentale per losviluppo del Paese”, dunque prevede la diminuzione dellapressione di 1 punto all’anno (5 punti in 5 anni) e dice un’no’ secco alla patrimoniale e all’aumento Iva. E poi ancorapromette l’azzeramento in 5 anni dell’Irap con priorita’ allepiccole imprese e agli artigiani. Il centrodestra preme ancheper il fisco ‘amico del contribuente’. Fra le proposte, larevisione del redditometro, dei poteri di Equitalia e lacompensazione tra crediti verso la P.A. e debiti fiscali, perle famiglie e per le imprese. Il leader del Pdl sottolineache il suo programma non prevede un ”condono tombale” ma”un condono dentro Equitalia, per cui chi ha problemi con ilfisco potra’ vedersi cancellate le multe e le penalita’, egli rimarranno da pagare solo le imposte che non avevapagato”. Per quanto riguarda le banche e’ prevista, tra lealtre cose, una moratoria su rate di mutuo non pagate negliultimi 18 mesi, con l’adeguamento del piano di ammortamentoalle capacita’ economiche del debitore. Impegni anche sugliesodati: tutela per tutti coloro che sono rimasti senzareddito e senza pensione.

Inoltre, sulla giustizia, 13 obiettivi, tra cui laseparazione delle carriere tra magistrati inquirenti egiudicanti, l’inappellabilita’ delle sentenze di assoluzionee il divieto di pubblicazione delle intercettazioni. Perquanto riguarda le infrastrutture, anche se non compare nelprogramma, il Pdl intende portare a termine la costruzionedel Ponte sullo Stretto di Messina, opera annunciata in tuttele campagne elettorali di Berlusconi dal ’94 ad oggi. E comenel 2001, Berlusconi promette di intervenire sulle pensioniminime. ‘Dobbiamo pensare a chi ha pensioni molto basserispetto ai costi della vita e fare qualcosa come quella chefacemmo nel 2001, portando piu’ di un milione di pensionatiad un aumento che consente effettivamente di sopravviveredentro agli aumenti dei costi attuali”, ha affermato inchiusura di campagna elettorale.

ceg/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su