Header Top
Logo
Domenica 23 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Corruzione:Cicchitto, dietro a Pm americani e tedeschi a favore di Monti

colonna Sinistra
Sabato 16 febbraio 2013 - 11:48

Corruzione:Cicchitto, dietro a Pm americani e tedeschi a favore di Monti

(ASCA) – Roma, 16 feb – Cicchitto, partiamo da Monti. ”Monti contava sulla frana del Pdl, invece e’ riemerso ilbipolarismo. Un illuso. Ora vive come un incubo il recuperodi Berlusconi. E come certi anziani signori quando s’infilanoin una rissa, ha perso la trebisonda”.

Lo afferma Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputatiPdl, intervistato dal Messaggero e rispondendo alla domandasu come si sente il Pdl e il suo leader nei panni diprovinciali, ridicoli e persino cialtroni.

Lei pero’ sostiene che il recupero di Berlusconi fa pauraanche ad ai magistrati. Conferma? ”Fino a poco tempo fa -hadetto Cicchitto- e’ stata una campagna elettorale durissima,ma incentrata sul merito. Berlusconi parlava di tasse, diImu, di politiche deflattive. Da sinistra criticavano Montiper certe scelte. Poi e’ esploso il caso del Monte deiPaschi. Ora, a me interessano poco le ricadute giudiziarie,se questo o quel manager ha fatto ruberie, quanto le ricadutepolitiche: s’e’ dimostrato che a Siena esiste un sistema dipotere nell’ambito del mondo ex comunista. Non c’e’ solol’acquisto a prezzi spropositati dell’Antonveneta, ma primadella Banca del Salento cara a D’Alema e della Banca AgricolaMantovana di Colaninno, Gnutti, Fiorani e Consorte”.

Ma l’inchiesta di Siena non danneggia semmai l’immaginedella sinistra? Che cosa c’entra il ”soccorso rosso” deimagistrati? ”Casuale o no -sostiene Cicchitto-, e’dall’esplodere dello scandalo Mps che parte una deriva acolpire l’altra parte. Cito alla rinfusa: sentenza Fitto atappe forzate, arresti Finmeccanica che pendevano dadicembre, accelerazione sospetta su Formigoni, ora purel’arresto di Angelo Rizzoli con coinvolgimento della moglieMelania quando erano mesi che si parlava di difficolta’finanziarie… Il dubbio e’ che tutta questa raffica diprovvedimenti serva a bilanciare quell’altra cosa li”’. Ma davvero pensa che ci sia una cabina di regia che muovei giudici di mezza Italia? ”Forse una regia non c’e’.

Pero’, caso strano -afferma Cicchitto-, proprio quando siparla di rimonta di Berlusconi, a sette procure viene lastessa idea lo stesso giorno. Io penso che, consapevolmente oinconsapevolmente, qualcuno voglia tirare la volata aIngroia. Alla fine aiuteranno Grillo, ma e’ il classico casodi eterogenesi dei fini”.
E’ corretto parlare di nuova Tangentopoli? ”Assolutamenteno. Nella Prima Repubblica il termine Tangentopoli esprimevaun sistema organico e codificato di rapporti tra le grandiimprese, pubbliche e private, e i partiti. Tutte le imprese,tutti i partiti. Poi venne Maastricht e il sistema salto’. Mache ci sia stato un uso politico della giustizia e’dimostrato che furono colpiti solo alcuni partiti e soloalcune imprese. Fu annichilita la destra democristiana, perdire, e non la sinistra democristiana. Oggi non c’e’ piu’alcun sistema, ma solo una corruzione parcellizzata eprivatizzata. Il che non vuol dire che sia buona. No, e’pessima. E’ persino peggio della corruzione di prima, chealmeno era ”nobilitata” dal sostegno funzionale al sostegnodei partiti in quanto tali nel loro complesso”.

Lei e altri sostenete che dietro Tangentopoli ci fosse unamanina straniera a tirar fuori gli scheletri dagli armadi.

Vede qualcosa del genere anche oggi? ”E perche’, non e’sotto gli occhi -dice Cicchitto- quanto americani e tedeschisi muovono a favore di Monti? Non c’e’ stato un pressing suBerlusconi? Chi puo’ dire che cosa accade nel retrobottega?Le prove nessuno ce le ha. Aspettiamo 15 anni e vedremo”.

com-min

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su