Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Iran: Marcenaro, no libere elezioni senza stop persecuzione opposizione

colonna Sinistra
Giovedì 14 febbraio 2013 - 18:12

Iran: Marcenaro, no libere elezioni senza stop persecuzione opposizione

(ASCA) – Roma, 14 feb – ”Il governo iraniano deve rilasciareimmediatamente ed incondizionatamente i leader del MovimentoVerde all’opposizione, che si trovano arbitrariamente agliarresti domiciliare da due anni esatti”. Lo ha dichiaratoPietro Marcenaro, presidente della Commissione Politica delConsiglio d’Europa e della Commissione Diritti Umani delSenato in occasione del secondo anniversario del giorno incui gli ex candidati alla presidenza Mir Hossein Mousavi eMehdi Karroubi, come anche Zahra Rahnavard, la moglie diMousavi, scrittrice e attivista politica, sono stati messi defacto agli arresti domiciliari e privati dei loro dirittifondamentali. I tre leader dell’opposizione sono stati arrestati nelfebbraio del 2011 dopo aver organizzato manifestazioni insostegno delle rivolte arabe. ”Il prolungarsi dell’arresto domiciliare viola non solola legge internazionale ma anche quella iraniana”, haproseguito Marcenaro che ha anche chiesto alle autorita’iraniane di non perseguitare o arrestare senza fondamentogiuridico i figli dei detenuti interrogati la scorsasettimana. Dalla disputa post elettorale del giugno 2009, e mentrel’Iran si sta preparando alle nuove elezioni presidenzialiche avranno luogo tra quattro mesi, centinaia di figuredell’opposizione, giornalisti, blogger, studenti, avvocati ealtri difensori dei diritti umani si trovano in prigione. Unanuova ondata di arresti e’ avvenuta alla fine di gennaio2013. ”Mi unisco alle Nazioni Unite, alle organizzazioniumanitarie e ai tanti governi di tutto il mondo nel chiederealle autorita’ iraniane di onorare i loro impegniinternazionali liberando tutte le persone arbitrariamentedetenute per aver esercitato il loro diritto di esprimersi,riunirsi e associarsi liberamente. Se non cessa questapolitica di persecuzione e intimidazione contro l’opposizionee la stampa, non ci possono essere le condizioni per libereelezioni a giugno” ha concluso Marcenaro. com-njb

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su