Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: Monti, detassare per alzare occupazione femminile al 60%

colonna Sinistra
Lunedì 11 febbraio 2013 - 16:37

Elezioni: Monti, detassare per alzare occupazione femminile al 60%

(ASCA) – Roma, 11 feb – ”E’ necessaria una grande ‘azionepositiva’ volta a realizzare l’obiettivo degli accordieuropei di Lisbona del 2000: portare il tasso di occupazionefemminile dal 46% attuale alla media UE del 60%, mediante unadetassazione selettiva che incentivi simmetricamente domandae offerta”. Lo afferma Mario Monti nel Twitter Time duranteil quale, usando l’hashtag #MontiLive, i cittadini hannorivolto domande al premier dimissionario.

”Occorre inoltre realizzare: l”obiettivo di Barcellona’in tema di assistenza alla prima infanzia, con un pianostraordinario per gli asili nido; un piano nazionale perl’offerta di un servizio qualificato di assistenza allepersone non autosufficienti, che al tempo stesso attivi unanuova domanda e una nuova offerta di lavoro retribuitofemminile”, aggiunge Monti.

”Un contributo importante puo’ venire dallo sviluppo delwelfare aziendale – prosegue Monti -. Si tratta diincentivare le imprese, via via che la crescita economica lopermette, a istituire asili aziendali; stipulare convenzionicon asili del territorio; costituire cooperative di ‘babynido’ interaziendali, pubbliche/private”.

”Si possono mettere in atto misure di lavoro flessibile,come la possibilita’ di accorpare gli straordinari ai congedidi maternita’ e di paternita’, facendo rientrare questemisure negli accordi di produttivita’ e riconoscendo leagevolazioni fiscali e contributive stanziate a questoproposito. Gli asili nido non devono essere necessariamentecomunali, possono anche essere privati-convenzionati. Ilpagamento della retta va stabilito sulla base del reddito delnucleo familiare, mentre le risorse destinate devono esseresicure e strutturali, individuate nella legge di stabilita’ enon piu’ con misure una tantum. E’ opportuno favorire lacostituzione di fondi bilaterali dedicati al sostegno dellefamiglie dei lavoratori e delle lavoratrici che devono farfronte al pagamento delle rette degli asili nido”, aggiungeMonti.

ceg/mau/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su