Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Enti locali: Comuni e Regioni chiedono chiarimenti su patto stabilita’

colonna Sinistra
Venerdì 8 febbraio 2013 - 13:46

Enti locali: Comuni e Regioni chiedono chiarimenti su patto stabilita’

(ASCA) – Roma, 8 feb – I Comuni e le Regioni ritengono che”sussistano tutti i presupposti di necessita’ ed urgenza chelegittimano l’adozione da parte del Governo di unprovvedimento che risolva quelle questioni che oggipregiudicano una corretta attivita’ contabile e finanziariadegli enti”. E’ quanto affermano i presidenti di Anci eConferenza delle Regioni, Graziano Delrio e Vasco Errani inuna lettera inviata al Premier Mario Monti e al Ministrodell’Economia Vittorio Grilli. ”’Come piu’ volte anticipatoanche in sede di approvazione della legge di stabilita’ peril 2013 ed evidenziato con la presentazione da parte delleRegioni e dell’ANCI di apposite proposte di modifica -scrivono Delrio ed Errani – la situazione finanziaria e dibilancio dei Comuni e delle Regioni e’ insostenibile”.

”Registriamo – aggiungono – una diffusa e assolutamentemaggioritaria impossibilita’ a predisporre i bilanci nelrispetto dei vincoli del Patto di Stabilita’ interno ed inconsiderazione dei tagli gravosissimi che ancora una voltacolpiscono il comparto dei Comuni e il comparto delleRegioni”. Entrando nel merito delle problematiche, Delrio ed Erranisegnalano che ””per quanto riguarda i Comuni e’ urgentecorreggere la previsione relativa al posticipo del pagamentodella TARES a luglio che pone un serissimo problema diliquidita’ ai Comuni che dovrebbero anticipare alle aziende icorrispettivi per erogare i servizi; e’ poi indispensabileriportare il taglio a carico del comparto dei Comuni per il2013 pari 2.250 milioni ad una cifra ragionevole esostenibile, utilizzando i risultati conseguiti con ladeterminazione dei fabbisogni standard, con l’obiettivo dilavorare da subito per un percorso di riqualificazione dellaspesa ed efficienza ed economicita’ dei servizi; e’ infinenecessario escludere i piccoli Comuni dal Patto di Stabilita’per il 2013, in quanto impegnati in un processo complesso dicarattere ordinamentale finalizzato alla gestione associatadi tutte le funzioni”.

”Per quanto riguarda le Regioni – sottolineano – e’ urgenterivedere il taglio al fondo sanitario che non consente digarantire i servizi essenziali con rischi concreti di tenutadell’intero sistema, cosi’ come bisogna assicurare ilfinanziamento del TPL, un settore in grande difficolta’ cheinvece necessiterebbe di investimenti innovativi. Infinepermangono gravissime criticita’ in materia di politichesociali, dove si assiste ad un fabbisogno crescente conrisorse scarse e decrescenti”.

Delrio ed Errani si dicono quindi ”’disponibili ad unimmediato confronto nel merito, certi che la nostra grandepreoccupazione possa trovare ascolto e attenzione”.

com/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su