Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Famiglia: Istat, reddito cresce di piu’ nel nord-est. Bolzano in testa

colonna Sinistra
Mercoledì 6 febbraio 2013 - 10:08

Famiglia: Istat, reddito cresce di piu’ nel nord-est. Bolzano in testa

(ASCA) – Roma, 6 feb – Nel 2011 il reddito disponibile dellefamiglie italiane si distribuisce per il 30,8% nelNord-ovest, per il 22,3% nel Nord-est, per il 25,7% nelMezzogiorno e per il restante 21,2% nel Centro. Rispetto al2010 l’aggregato nazionale e’ cresciuto, in valori correnti,del 2,1%. L’area del Paese che ha mostrato la dinamica piu’ sostenutae’ il Nord-est dove il reddito disponibile delle famiglie, invalori correnti, e’ cresciuto del 2,7% rispetto al 2010, conincrementi piu’ accentuati in Emilia-Romagna (+3%) e Veneto(+2,8%). Nel Nord-ovest la crescita e’ stata del 2,5%, masono rilevanti le differenze regionali: si passa dal 3% delPiemonte all’1,4% della Valle d’Aosta. Lo segnala l’Istat chequesta mattina ha diffuso i dati del report sul redditodisponibile delle famiglie nelle regioni del nostro paese.

La crescita del reddito disponibile e’ invece risultatainferiore a quella media nazionale nel Centro (+1,5%) e nelMezzogiorno (+1,6%). Nel primo caso, le differenze tra lesingole regioni sono contenute, mentre i risultati sono moltoeterogenei nel Mezzogiorno, dal +3,5% della Basilicata, al+3% dell’Abruzzo fino allo 0,4% della Sicilia. Le famiglieresidenti nel Nord godono del livello piu’ elevato di redditodisponibile per abitante, con valori quasi identici perNord-ovest e Nord-est (circa 20.800 euro) e molto superiorial valore medio nazionale (circa 18.000 euro). Nel Centro illivello e’ di poco inferiore, 19.300 euro, mentre risultamolto piu’ basso nel Mezzogiorno (circa 13.400 euro), con undifferenziale negativo del 35,7% rispetto a quello del Nord edel 25,5% rispetto alla media nazionale. Considerando lesingole regioni, in testa alla graduatoria del reddito perabitante si posiziona Bolzano, con circa 22.800 euro procapite, seguita da Valle d’Aosta (22.500 euro) e EmiliaRomagna (21.600 euro). Campania (12.500 euro), Sicilia(13.000 euro) e Calabria (13.200 euro) sono le regioni in cuiil reddito disponibile per abitante e’ piu’ basso. rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su