Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Napolitano: evitare cortocircuito informazione-giustizia

colonna Sinistra
Venerdì 1 febbraio 2013 - 16:55

Napolitano: evitare cortocircuito informazione-giustizia

(ASCA) – Roma, 1 feb – Un invito ad evitare corto-circuititra l’attivita’ di informazione dei giornalisti e le indaginidella magistratura arriva oggi dal Presidente dellaRepubblica Giorgio Napolitano. Nel corso dell’incontro avutoquesta mattina al Quirinale con una delegazione dell’Ordinedei Giornalisti in occasione dei 50 anni della leggeistitutiva dell’ordine Napolitano, nel corso di un indirizzodi saluto, ha ricordato che ”ci siamo incontratisistematicamente nel corso di questi anni e abbiamo moltodiscusso di certi problemi che riguardano il modo di fareinformazione, la correttezza e il ruolo dell’informazione, leregole deontologiche, e cosi’ via. Non tornero’ su questitemi – ha continuato Napolitano – dico solo qualcosa su unaspetto di quella tematica che, per ragioni che comprendete,anche in questo momento sento molto: l’aspetto dei rapportitra stampa e amministrazione della giustizia. Abbiamo spessodegli effetti non positivi, quasi dei cortocircuiti trainformazione – che tende ad avere il massimo di elementi perpoter assolvere a un ruolo di propulsione alla ricerca dellaverita’ – e, nello stesso tempo, riservatezza necessariadelle indagini giudiziarie e rispetto del segretod’indagine”.

A questo proposito, il Capo dello Stato ha fattoriferimento all’ultimo esempio del ”richiamo piuttostobrusco di un importante ufficio giudiziario, la Procura dellaRepubblica di Siena, che segue la scottante e complessaindagine sul Monte dei Paschi, di fronte alla pubblicazionedi notizie che ha dichiarato totalmente infondate e di cui haanche fatto comprendere la grave possibile ricadutadestabilizzante sui mercati, al punto da annunciare o daventilare provvedimenti per aggiotaggio e insider trading”.

Questo – per il Presidente – e’ un punto delicato di unamateria tutta delicata”.

Nell’incontro, il Capo dello Stato ha rilevato che ”tuttoe’ cambiato” nel mondo della comunicazione, e ”igiornalisti rischiano di pagare le conseguenze di un mancatoadeguamento delle norme alla realta”’. Ha quindi fattoriferimento all’intervento del Ministro Severino: ”Ha dettocon grande puntualita’ e serieta’ quali siano i problemi daaffrontare: il problema dell’accesso e il problema dicondizioni che siano garantite e obiettive, che non sianoaffidate, da un lato, all’arbitrio di chi ha l’esercizio delpotere economico sui mezzi di informazione e, dall’altro, aduna condizione di debolezza dell’aspirante giornalista, chediventa una condizione di fatale sottomissione al ricatto edi senso di fatale precarieta’ e mancanza di prospettive”.

com-fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su